Giovedì, 21 Ottobre 2021
Politica

Prc: “Termina il nostro sostegno alla giunta targata Mongelli”

"Non possiamo che dissociarci da questa coalizione, da questa giunta, non condividendone più lo spirito". Totale disaccordo sulle politiche ambientali adottate dall'attuale maggioranza

Rifondazione Comunista non appoggerà più la giunta targata Mongelli. Nonostante il PRC non abbia rappresentanza istituzionale a Palazzo di Città, in questi anni il partito di sinistra ha contribuito e fornito spunti interessanti per il superamento dell’emergenza abitativa (baraccati di Campo degli Ulivi), per un piano di riordino dell’Ataf basato sulla mobilità sostenibile, un piano di raccolti dei rifiuti solidi urbani.

Siamo stati i primi a sostenere, e ne siamo ancora convinti, che il bilancio comunale si può risanare evitando, sia la dichiarazione di dissesto, che un inasprimento delle imposte comunali salvaguardando, contemporaneamente, i livelli occupazionali” afferma Giorgio Cislaghi.

Per il Prc l’azione di risanamento dell’attuale maggioranza sembra “erroneamente” incentrata sull’incremento delle entrate derivanti da il piano di riordino dei servizi cimiteriali, l’aumento della tariffa di sosta e la richiesta di aumentare la TARSU del 30% e più. “Eppure sarebbe bastato poco per fugare questi dubbi, sarebbe bastato coinvolgere la popolazione spiegando “i piani industriali”, per ATAF e AMICA, e tenendo conto del risultato dei referendum con cui anche i cittadini foggiani si sono schierati per mantenere pubblici i servizi che assicurano i beni comuni tra i quali noi includiamo anche i servizi cimiteriali e la loro gestione” aggiunge il segretario del Circolo “Che Guevara”.

Il Prc attende una risposta sul servizio “Park & Ride”, sull’incremento della rete delle piste ciclabili e sulla riattivazione della centralina di monitoraggio dell’inquinamento. “Aggiungiamo che nel colloquio che abbiamo avuto con l’amministratore di ATAF, a cui esprimiamo il nostro apprezzamento per l’azione sin qui svolta, abbiamo prospettato l’utilità che l’azienda investa risorse per dotarsi di un distillatore di idrogeno, alimentandolo con energia prodotta da pannelli fotovoltaici, per alimentare i bus con idrometano per abbassare, contemporaneamente, inquinamento e costi. Registriamo, purtroppo, che l’amministrazione comunale si è impegnata in una sterile contrattazione sul costo della sosta senza coinvolgere la città nell’elaborazione su quale sia la mobilità sostenibile e quali siano i mezzi migliori per attuarla” prosegue Cislaghi

Sul tema rifiuti, Rifondazione Comunista (che sottolinea i dati negativi dell’Istat) ha chiesto ad Amica la separazione tra umido e secco e l’avvio immediato della raccolta differenziataindividuando in questo il modo per salvaguardare i livelli occupazionali migliorando il servizio ed il decoro urbano”.

Abbiamo chiesto che venga pubblicato il piano straordinario per la rimozione dei rifiuti finanziato dalla regione con 500.000 euro, ci è stato risposto che ora la città è più pulita. Abbiamo chiesto che venga spiegato alla città quanto sono costati i piani di pulizia straordinaria e non abbiamo ottenuto risposta. Abbiamo chiesto qual è il piano di riordino dell’AMICA presentato alla regione Puglia e che fosse coinvolta la popolazione, se non nell’elaborazione, quantomeno nella condivisione. Ci è stato risposto che verrà reso pubblico solo dopo l’approvazione  e la revisione della regione” tuona il segretario Prc.

Per Cislaghi e compagni, non sarebbero stati rispettati gli impegni presi in campagna elettorale, di una democrazia partecipata. “Non possiamo che dissociarci da questa coalizione, da questa giunta, non condividendone più lo spirito” conclude Cislaghi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prc: “Termina il nostro sostegno alla giunta targata Mongelli”

FoggiaToday è in caricamento