menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Daniele Labianca

Daniele Labianca

Tra riconferme e promozioni parte la nuova stagione degli arbitri: i fischietti foggiani ancora protagonisti

Sabato scorso il presidente dell'AIA Nicchi ha divulgato i nominativi di arbitri, assistenti e osservatori promossi nelle categorie superiori: Daniele Labianca arriva in serie D dopo un solo anno alla Commissione Arbitri Interregionale. Confermati De Meo in Serie A e la Abruzzese in Lega Pro

Tra meritate promozioni ed importanti riconferme, gli arbitri della Sezione di Foggia “Antonio Formillo” sono pronti ad affrontare la nuova stagione sportiva.

Sabato 1 luglio si è tenuta, presso la sede dell’Associazione Italiana Arbitri di Roma, la consueta conferenza stampa d’inizio stagione. Il Presidente dell’AIA Marcello Nicchi, insieme al Vice Presidente Pisacreta ed a tutti i responsabili degli organi tecnici nazionali, ha divulgato i nominativi degli arbitri, degli assistenti e degli osservatori promossi nelle categorie superiori.

Per la Sezione dauna, capitanata dal Presidente Antonello Di Paola, una giornata particolarmente felice, con diverse promozioni e numerose riconferme.

Dopo un solo anno alla Commissione Arbitri Interregionale (CAI), primo gradino delle categorie arbitrali nazionali, il fischietto foggiano Daniele Labianca è stato promosso in serie D. Labianca, 25 anni, compie il prestigioso salto di categoria dopo aver diretto numerose gare della Premier League pugliese (tra cui la finale di Coppa Italia Eccellenza Puglia del 2016) e al termine di una stagione arbitrale che lo ha visto impegnato negli stadi di tutta Italia, intento a dirigere le gare di Eccellenza e Promozione aventi maggior coefficiente di difficoltà.

Salto di categoria anche per l’osservatore arbitrale Angelo Perilli: dopo cinque stagioni in serie D, l’osservatore foggiano (un passato da assistente nella ex serie C) viene promosso in Lega PRO, dove sarà impegnato a visionare e valutare arbitri ed assistenti.

Un altro osservatore, ma questa volta del calcio a 5, può festeggiare: si tratta di Giacomo De Varti, fino a tre anni fa arbitro di futsal nazionale, con all’attivo una finale di supercoppa e diverse finali-scudetto. De Varti, fino all’anno scorso osservatore a livello regionale, torna nella categoria che, come detto, lo ha già visto protagonista da arbitro.

Oltre alle promozioni, diverse riconferme per la classe arbitrale di Capitanata: l’assistente Pasquale De Meo, dopo un’ottima stagione, continuerà a sbandierare in serie A, categoria in cui è stato promosso l’anno scorso. In Lega PRO, Lucia Abruzzese (internazionale di calcio femminile) sarà impegnata a svolgere funzioni di assistente arbitrale. Anche in Serie D presenti numerosi foggiani, oltre al neo-promosso Labianca: si tratta di Gianluca Roca e Davide Sabatino (assistenti arbitrali) e dell’osservatore Marco Anniballi. Consistente la pattuglia degli arbitri di futsal nazionali: in organico ci sono Luca Caracozzi, Davide De Ninno, Pasquale Falcone, Davide Plutino e Raffaele Ricci.

Per limiti permanenza lasciano le rispettive categorie gli arbitri Vincenzo Andreano (CAI) ed Antonio Sessa (Can 5). Visibilmente soddisfatto il “capitano” degli arbitri foggiani, Antonello Di Paola, presidente sezionale dal 2013: “Questi ragazzi li conosco ad uno ad uno, hanno lavorato duramente per un anno intero; dietro le loro vittorie ci sono sacrifici, rinunce, delusioni” afferma Di Paola. “La scuola arbitrale foggiana è di livello elevatissimo, abbiamo rappresentanti in quasi tutte le categorie nazionali”, prosegue Di Paola. Nota di merito, da parte del presidente sezionale, per gli arbitri che hanno terminato il loro percorso a livello nazionale: “il mio pensiero va prima di tutto a loro, perché hanno dimostrato dignità ed abnegazione e, per questo, rappresentano un punto di riferimento per tutti i giovani arbitri. La nostra sezione svolge anzitutto una funzione sociale, di responsabilità: siamo impegnati quotidianamente nel dimostrare che il gioco del calcio e, più in generale, il mondo dello sport, è denso dei valori di cui noi arbitri ci facciamo portatori”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento