L'Energas rilancia il deposito Gpl. Riccardi: "Raccogli baracca e burattini e dimentica Manfredonia"

Continueremo, Amministrazione comunale e popolazione, a batterci, pacificamente, in tutte le sedi possibili, perché sia rispettata da tutti la volontà della nostra comunità”

Angelo Riccardi

Il sindaco Riccardi, raggiante per la schiacciante vittoria del ‘no’ all’impianto costiero dell’Energas, non ha perso tempo per commentare le dichiarazioni rilasciate dall’azienda di Menale richiamando un famoso spot televisivo: “Caro Dino stappa un crodino e rinfrescati da tanta arsura e fatica, quest’ultima risultata vana perché i manfredoniani non hanno l’anello al naso. Potrebbe esserti utile sorseggiarlo lentamente per meglio interpretare il responso delle urne e comprendere, una volta per tutte, che la comunità di Manfredonia non vuole che la tua impresa ne diventi parte: questa l’intenzione che hai manifestato nel commento del voto.

Il primo cittadino si chiede: “Come puoi affermare che prendi atto, ma vai avanti? Forte di chi o cosa? Non certo della popolazione e dei suoi rappresentanti istituzionali”. Trai tanta caparbia ostinazione, allora, per promesse ricevute da qualche politico del luogo che, magari, sosteneva la tua iniziativa di nascosto e, poi, costretto dal voto, ha dovuto rinunciare a tali propositi? Sappi che non ci sono promesse o rassicurazioni che argineranno la volontà espressa dalla comunità di Manfredonia”.

Riccardi, intransigente, ci va giù duro: “Se non fosse un tema così delicato e importante per la nostra collettività, mi verrebbe da pensare una commedia napoletana, ma io non sono Scarpetta e tu non sei Sciosciammocca. Io sono, più umilmente, il sindaco di Manfredonia e, come tale, devo anteporre l’interesse collettivo a quello dei singoli. Il risultato schiacciante della consultazione non ammette repliche e, per quanto si tratti di una consultazione comunale con valore unicamente consultivo, raccogli la baracca (che non c’è ancora fisicamente) e i burattini (questi si sono visti e manifestati) e dimentica Manfredonia come comune a cui affibbiare il più grande deposito di GPL d’Europa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco conclude: “Abbiamo altre ambizioni e le stiamo portando avanti con costanza e sacrificio. I risultati saranno maggiormente evidenti con il trascorrere del tempo, ma i dati di fatto rendono giustizia al nuovo percorso che abbiamo intrapreso. Manfredonia possiede il sito turistico più visitato nell’intera regione Puglia: è la basilica realizzata da Tresoldi e non il deposito che vorrebbe insediare l’Energas. Continueremo, Amministrazione comunale e popolazione, a batterci, pacificamente, in tutte le sedi possibili, perché sia rispettata da tutti la volontà della nostra comunità”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 12 nuovi positivi nel Foggiano e tre focolai (circoscritti). In Puglia 20 contagiati e nessun morto

  • Ultima ora: catturato il super ricercato Cristoforo Aghilar

  • "Ho ancora i brividi". Terrore sulla superstrada del Gargano, auto semina il panico e si schianta: "Salvi per miracolo"

  • Omicidio a Cerignola: almeno 11 colpi d'arma da fuoco, così è stato ucciso Cataldo Cirulli detto 'Dino Str'ppen'

  • Coronavirus: aumentano i casi in Puglia, sono dieci di cui due in provincia di Foggia

  • Coronavirus, sette casi in Puglia: quattro nuovi contagiati nel Foggiano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento