Napoleone Cera torna in libertà: revocati i domiciliari, obbligo di dimora nel comune di San Marco in Lamis

Revocata la misura degli arresti domiciliari al consigliere regionalei dei Popolari Napolone Cera, obbligo di dimora nel comune di San Marco in Lamis

Napoleone Cera

Torna libero Napoleone Cera, al consigliere regionale dei Popolari ed esponente di spicco dell'Unione di Centro in provincia di Foggia e in Puglia, sono stati revocati gli arresti domiciliari con applicazione dell'obbligo di dimora nel comune di San Marco in Lamis. Il provvedimento del Giudice è di poco fa.

Per Angelo Cera la situazione resta immutata, i legali si riservano di avanzare la medesima richiesta di revoca dei domiciliari nei prossimi giorni. 

L'ex deputato e il consigliere regionale erano stati raggiunti dalla misura degli arresti domiciliari il 17 ottobre scorso con l'accusa di tentata concussione, induzione indebita e corruzione. Erano queste le tre ipotesi di reato mosse dalla Procura di Foggia.

Il 6 novembre il Tribunale del Riesame di Bari aveva confermato gli arresti domiciliari per entrambi riqualificando però il reato di imputazione contestato, da tentata concussione a tentata induzione indebita a dare o promettere utilità (319 quater cp).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale, auto esce fuori strada e si schianta contro un albero: muore 44enne

  • Tenta il suicidio, sospeso nel vuoto tra il balcone e l'asfalto perde i sensi: figlio, vicino, carabinieri e 115 gli salvano la vita

  • Attimi di tensione al Grandapulia, migranti minacciano di "bloccare il Natale": cariche della polizia e lanci di pietre

  • Terremoti, la Capitanata zona a rischio. Gargano fu devastato da uno tsunami. "A Foggia due edifici su tre non sono a norma"

  • Grave incidente stradale in A14: sei feriti in tre tamponamenti, grave un uomo di Manfredonia

  • Aggredita dai vicini per una colonia felina, finisce in ospedale volontaria animalista: "Colpita in faccia con un portachiavi appuntito"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento