menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prencipe: "Grave l'assenza di Pepe-Pecorella sul palco di Termoli"

"Evidentemente si sono preoccupati di non disturbare i ministri che vogliono avvelenare l'Adriatico" tuona il capogruppo a Palazzo Dogana del Partito Democratico. Prencipe elogia la presenza e l'intervento di Mongelli

prencipe

Sulla manifestazione che si è tenuta sabato scorso a Termoli contro le introspezioni petrolifere nel mare Adriatico e a largo delle Isole Tremiti previste nel decreto Prestigiacomo, interviene il capogruppo alla provincia del Partito Democratico, Antonio Prencipe.

L’esponente del Pd non è riuscito a digerire l’assenza sul palco di Termoli del presidente della provincia Antonio Pepe e del commissario straordinario dell’Ente Parco, Stefano Pecorella. “Evidentemente si sono preoccupati di non disturbare i ministri che vogliono avvelenare l’Adriatico” tuona Prencipe. “L’On. Pepe ha offeso l’ente che presiede evitando di indossare la fascia presidenziale dietro il gonfalone mentre la manifestazione ha ribadito la contrarietà della comunità intera alle trivellazioni” prosegue il capogruppo Pd alla provincia.

A Prencipe probabilmente non sono bastate le dichiarazioni di Pecorella e Pepe rilasciate agli organi di stampa prima dell’inizio del corteo. "A fronte di questo che è un inizio di attività di ricerca, ci sono tante altre piattaforme che nel nostro mare Adriatico estraggono petrolio, gas e altri idrocarburi. Per cui dobbiamo tenere alta la guardia e dobbiamo evitare eventualmente in una fase successiva che si possa rilasciare un’autorizzazione alle trivellazioni senza sentire le popolazioni interessate come purtroppo è avvenuto in questa fase di ricerca” aveva dichiarato il commissario dell’Ente Parco. Il presidente della provincia aveva richiamato alla “massima attenzione e forza per dire “no” alle trivellazioni”.

Il capogruppo a Palazzo Dogana del Pd elogia invece l’intervento del sindaco di Foggia: “La dignità istituzionale della Capitanata è stata salvata dall'intervento di Gianni Mongelli e dalla presenza di tanti sindaci, di sinistra e di destra, sul palco da cui si sono tenuti alla larga il presidente della Provincia e il commissario straordinario del Parco del Gargano

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento