Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica San Marco in Lamis

Incompatibilità: spunta petizione pro Cera, ma non può ricoprire doppio incarico

Alcuni cittadini hanno raccolto delle firme per chiedere al presidente del Consiglio e ai consiglieri comunali di respingere la richiesta di incompatibilità del deputato e sindaco di San Marco in Lamis

Succede a San Marco in Lamis, città del Gargano dove alcuni cittadini hanno promosso una raccolta firme chiedendo di respingere la richiesta di incompatibilità dell’on. Angelo Cera, che attualmente ricopre il doppio incarico di  sindaco e di deputato della Repubblica, nonostante la legge non glielo permetta.

L’onorevole di ‘Scelta Civica è uno dei pochi parlamentari, se non addirittura l’unico, a non aver ancora sciolto la riserva. Fresco di un muro contro muro politico e mediatico con i cinquestelle, Cera non sembra intenzionato ad accogliere la richiesta proveniente dalla stragrande maggioranza dei sammarchesi, che lo vuole a Roma piuttosto che a Palazzo Badiale, o viceversa.

Ora però può trovare conforto e rifugio nella petizione di un numero non quantificato di cittadini, protocollata al Comune il 13 maggio, in cui si chiede al presidente del Consiglio e ai consiglieri comunali, di respingere la proposta di incompatibilità del sindaco presentata dai gruppi di minoranza nel Consiglio comunale del 29 aprile, mantenendo quindi l’attuale assetto politico-istituzionale.

Per i firmatari della petizione, lo scioglimento anticipato del Consiglio comunale – che vorrebbe dire nuove elezioni – paralizzerebbe la continuità dell’azione amministrativa del Consiglio comunale. I fedelissimi elettori dell’onorevole Cera -  che sembra aver perso gran parte del consenso ottenuto alle amministrative del 2011 - non trovano giusto che la “propria espressione di voto, esercizio libero e democratico d un principio costituzionale, possa essere annullato o reso inefficace da una legge successiva che non può incidere su situazioni giuridico-amministrative consolidatesi e sulle quali i sottoscritti hanno fatto legittimo affidamento”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incompatibilità: spunta petizione pro Cera, ma non può ricoprire doppio incarico

FoggiaToday è in caricamento