Verso Pagani, Stroppa chiede più determinazione e 'avvisa' Maza: "Basta complimenti. Sta a lui dimostrare il proprio valore"

Il tecnico rossonero in conferenza stampa affronta il problema dell'attacco, a secco da due gare. "Pressioni? Sappiamo tutti qual è l'obiettivo, l'importante è affrontare ogni partita con la giusta determinazione". Convocati: out Mazzeo, si rivede Coletti

Giovanni Stroppa

Due punti nelle ultime tre trasferte non sono proprio il massimo per una squadra che punta a vincere il campionato. Lo sa bene il tecnico Stroppa, anche se la squadra, debacle di Castellammare a parte, ha sempre offerto prestazioni di qualità. "In vista di domenica, potrei dire che non mi interessa tanto la prestazione quanto il risultato". Lo impone la classifica dove Lecce e Matera vanno a braccetto con i rossoneri all'inseguimento di una Juve Stabia in stato di grazia. Ma vincere domenica e condersi il bis domenica prossima, quando a Castellammare andrà il Lecce di Padalino, è quanto mai fondamentale: "Sarà un turno importante, possiamo approfittare di eventuali passi falsi delle avversarie", ammette Stroppa, che poi passa in rassegna pregi e difetti della Paganese e della sua squadra: "L'assenza di Deli per loro sarà pesante, ma parliamo di una squadra che ha uno spartito, in grado di adattarsi all'avversario. Spesso hanno cambiato sistema di gioco senza modificare la mentalità. Complimenti a Grassadonia perché ha dato un'identità alla sua squadra. Noi stiamo bene, forse ci è mancata in qualche frangente la cattiveria sotto porta, ma la squadra ha sempre cercato di arrivare al gol con il bel gioco. Cosa ci manca per vincere? Buttarla dentro".

PRESSIONI. Stroppa non teme lo status di squadra favorita: "La mia avventura è iniziata con certe aspettative, ovvero far meglio dello scorso anno. Lo sappiamo dall'inizio. Non credo che i ragazzi la avvertano. Credo però che essere considerati dagli avversari i più forti non basti, se tutte le domeniche non le affrontiamo come se fossero una battaglia. Le squadre avversarie giocano contro di noi come se per loro fosse la gara più importante della stagione. In questo noi dobbiamo essere bravi, se siamo motivati automaticamente verranno fuori i valori tecnici e tattici".

CONVOCATI. Ventitre i giocatori che Stroppa porterà con sé a Pagani. Nel gruppo non ci sarà Mazzeo ("Sta recuperando dal problema al tendine, ma non saprei dire quando sarà al 100%), ma rientra Coletti. Ci sarà anche Sainz Maza, al quale Stroppa rivolge una sorta di pre ultimatum: "Mi auguro che faccia presto la differenza. Avere le qualità, riconoscerle non basta. I complimenti e la stima bisogna conquistarsele gara dopo gara. Pazienza terminata? No, ma ora la palla passa a lui. E' lui che deve dimostrare di avere in campo una determinazione diversa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

  • Omicidio tra Manfredonia e Foggia: ucciso 38enne, morto poco dopo il suo arrivo in pronto soccorso

Torna su
FoggiaToday è in caricamento