Sport

Aics: “Impianti “chiusi”, difficoltà a fare e a praticare sport”

Secondo l'Aics, le associazioni sportive sarebbero impossibilitate a organizzare tornei e manifestazioni a discapito dei ragazzi. Sotto accusa alcuni presidi foggiani di elementari e medie

L’Aics, Associazione Italiana Cultura e Sport, non ci sta e punta il dito contro “l’atteggiamento talvolta ostruzionistico da parte di alcuni presidi delle scuole elementari e medie foggiane” che sarebbero poco propensi a concedere l’utilizzo degli impianti sportivi in orari extrascolastici.

Impianti che, denuncia l’Aics, sono però di proprietà degli Enti pubblici quali Comune e Provincia e che potrebbero quindi essere utilizzati per organizzare competizioni sportive per ragazzi ed attività ludico-ricreative. Le associazioni sportive sarebbero quindi impossibilitate a organizzare tornei e manifestazioni, “a discapito – tuona l’Aics – dei ragazzi”.

L’AICS chiede quindi “che sia restituita a Foggia un'impiantistica sportiva adeguata, con interventi mirati alla concessione degli impianti scolastici alle società e a chiunque voglia farne un uso proficuo per lo sport, operando contestualmente quegli interventi di modernizzazione degli impianti già esistenti”.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aics: “Impianti “chiusi”, difficoltà a fare e a praticare sport”

FoggiaToday è in caricamento