Conferenza stampa Delio Rossi: “A Foggia allenavo i bimbi per toglierli dalla strada”

Anche un riferimento a Torremaggiore nel corso della conferenza stampa convocata per chiarire la vicenda Ljajic "Ho allenato gli operai del dopolavoro, non ho mai detto di essere Padre Pio"

Delio Rossi

Peccato davvero. Dispiace vedere un Delio Rossi così abbattuto per la vicenda Ljajic. Meno per l’aggressione, molto più per le conseguenze che quel gesto gli ha procurato: l’esonero, la squalifica di tre mesi comminata dal Giudice Sportivo e soprattutto i giudizi dei "finti moralisti".

Un pacchetto di decisioni a suo sfavore che questa mattina l’ex tecnico viola ha affrontato nel corso di una conferenza stampa. Un momento difficile, l’addio che non t'aspetti a Firenze e alla Fiorentina.

"Chiedo scusa a tutti, ho sbagliato, pago e pagherò, ma sono infastidito da tanto perbenismo. Ho visto falsi moralisti in questa vicenda. Chiedo scusa alla città, ai giocatori, alla società e all'Aic" ha precisato l'allenatore riminese e foggiano d'adozione.

"Il mio gesto è stato deprecabile - ha sottolineato - ma umanamente giustificabile". Ma la sua storia racconta di un uomo che – come precisato dallo stesso Rossi – agli inizi dei Novanta allenava i ragazzini del Foggia per tirarli fuori dalla strada e gli operai del dopolavoro (a Torremaggiore). “Ho solo pensato a lavorare. Sono per la cultura dell'esempio e continuo a farlo" tuona Delio.

Sulle parole dette da Ljajic, ugualmente perdonato, il tecnico ha fatto intendere che sono stati toccati sentimenti quali il rispetto della persona, del lavoro, della squadra e della famiglia. “Non ho mai detto di essere 'Padre Pio' ma andate a chiedere alle persone che ho allenato se ho mai alzato le mani su qualcuno".

Infine l’augurio alla città e un consiglio ai tifosi gigliati, quello di stare vicino alla squadra e alla società.

Prima ancora, però, una dichiarazione che la dice tutta sulla vicenda che ha fatto parlare e gridare, forse troppo e a sproposito, allo scandalo: “Ferisce di più la lingua che la spada".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento