Domenica, 24 Ottobre 2021
Politica

Provincia: Marinacci e Pellegrino scalpitano, ma Pepe prende tempo

L'Unione di Capitanata attende la delega al Bilancio. I Popolari per il Sud quella al Turismo e ai Trasporti. Guerrera potrebbe subentrare a Marinacci. Si consolida il duo D'Anelli-Cusenza. Insoddisfazione Ruo

Lo scenario politico è in continua trasformazione. La crisi interna ai partiti, la situazione d’incertezza che si è venuta a creare in relazione alle future coalizioni, il tentativo disperato di qualcuno di sistemarsi altrove e sganciarsi dai diktat imposti dall’alto, il bisogno di conquistare la leadership o semplicemente una fra le tante poltrone, ci permette di fare un’analisi parziale della situazione politico-amministrativa a Palazzo Dogana.

Con la costituzione dell’Unione di Capitanata, Pellegrino e Bonfitto attendono che Antonio Pepe affidi la carica di assessore al Bilancio a Matteo Cannarozzi, togliendola di fatto a Leonardo Di Gioia. Anche i Popolari per il Sud attendono di ricevere la delega al Turismo e ai Trasporti, fermo restando che Pepe acconsenta su uno dei tanti nomi proposti dal leader Marinacci. Il capogruppo e candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative a San Nicandro Garganico, dopo la condanna e l’interdizione dai pubblici uffici, dovrebbe cedere il posto a Vito Guerrera.

Una situazione paradossale se si pensa che l’esponente dell’Udc, già assessore ai lavori pubblici in questa legislatura, si era "dimesso" dopo l’uscita del partito dalla maggioranza. Ora potrebbe sedere dove è guerra aperta allo scudocrociato. Soltanto la risposta alla domanda se Guerrera oggi è un anti o pro Cera, può sciogliere ogni dubbio relativo a quella che sarebbe la sua linea politica. La seconda ipotesi metterebbe a rischio la stabilità della giunta targata Pepe.

Se è vero che D’Anelli sta tentando di far convergere sulle sue posizioni Gaetano Cusenza (che però smentisce un ingresso ufficiale nella maggioranza), è anche vero che la giunta traballa. Voci più insistenti parlano di un passaggio di Rocco Ruo alla corte del parlamentare Angelo Cera. Ma sono solo voci.

Dopo tutto, qualcuno potrebbe chiedersi chi sarà a fare da stampella ad Antonio Pepe e qualcun altro affermare che è tutto a posto. Resta il fatto che degli equilibri politico-amministrativi della Provincia,  nel bene o nel male se ne parla già da un pò.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provincia: Marinacci e Pellegrino scalpitano, ma Pepe prende tempo

FoggiaToday è in caricamento