Basta slogan: sull'emergenza migranti servono azioni concrete. "A Salvini ed Emiliano chiedo subito un tavolo di lavoro"

Appello del vicesindaco di Cerignola, Rino Pezzano, che saluta il commissario straordinario Rolli: "Grazie per il lavoro profuso sul territorio foggiano. Ora bisogna lavorare più di prima. Non aspettare l'ennesima tragedia"

“Desidero congratularmi con il neoprefetto di Macerata Iolanda Rolli per il prestigioso incarico che le è stato conferito edesprimerle il mio più profondo ringraziamento per l’impegno profuso a favore di questo territorio, che, come lei stessa ha avuto modo di confidarmi,  “ti prende l’anima, nonostante le difficoltà e le contraddizioni” che lo caratterizzano, rispetto alle quali è doveroso che si riprenda da subito a lavorare alacremente”. Così il vicesindaco di Cerignola e assessore alle Politiche sociali e migratorie, Rino Pezzano, sul congedo del commissario straordinario all'immigrazione Rolli dal territorio di Capitanata, ad un anno dal suo arrivo, e sulla necessità di scongiurare il possibile stallo che ne deriverebbe nel settore.

“Come è noto – sottolinea Pezzano-, le competenze oggi sono state riunite in capo alla Prefettura di Foggia, segnatamente sotto l’egida del prefetto Massimo Mariani, quale massima istituzione del territorio, oltre che diramazione degli Interni. Una istituzione che, tuttavia, assomma in sé la trattazione di tutte le emergenze che riguardano la Capitanata, in ogni ambito. L’auspicio, dunque,è che, oggi più di ieri, enti ed organizzazioni demandati alla risoluzione dei problemi inerenti la sfera migratoria in provincia di Foggia, degenerata in vera e propria emergenza (ultima in ordine di tempo la tragedia dei braccianti sulle nostre strade), supportino e lavorino alacremente, ciascuno per la propria parte di competenza, a che le progettualità messe in campo -e finanziate- non restino lettera morta ma trovino immediata concretezza”

“Come Comune di Cerignola siamo pronti a fare la nostra parte da tempo, essendoci già attivati con numerose misure di settore (Sprar, Sportello Immigrazione, Consulta Politiche Migratorie). Regione e Governo, pertanto, non hanno che da convocare subito un tavolo di concertazione, dimostrando così nei fatti che la tragedia di qualche giorno fa non è stata anche questa volta mero appiglio per l’ennesima passerella politica”.

“Sono certo – continua Pezzano- che, oltre agli annunci, il Ministro Salvini voglia seriamente mettersi a lavorare sul campo a politiche di regolamentazione dei flussi e  di “integrazione reale”, superando definitivamente la stagione del caporalato, dei ghetti, della emarginazione sociale. In quest’ottica, la Capitanata dovrebbe essere il primo e più emblematico banco di prova, afflitta com’è da grandi tragedie e disseminata di ghetti e di realtà già definite “vergogna italiana” (si pensi alla cd pista del Cara di Borgo Mezzanone). Sono altresì convinto che, nella sua recente visita, il Ministro agli Interni queste questioni le abbia apprese e che sia convinto anch’egli che meritino immediata risposta.  Come amministratore, dunque, resto in attesa di disposizioni a che si possa riprendere con rinnovata alacrità a lavorare a misure risolutive, alcune di queste, in verità, già parzialmente ideate, discusse e finanziate”.

“Auspico – conclude il vicesindaco- tempi brevi di reazione. E soprattutto che si possa tornare subito a metter mano a quelle progettualità alle quali aveva egregiamente lavorato la Regione Puglia con il compianto dirigente del settore Migrazioni ed Antimafia sociale, Stefano Fumarulo. Una dipartita che ha purtroppo fatto registrare in questo territorio, e non solo, un lungo momento di stallo in tema di politiche  migratorie; riprova ne è la stessa vacatio lasciata dal giovane dirigente a livello regionale, rispetto alla quale il presidente Michele Emiliano farebbe bene ad attivarsi per riprendere da dove si era rimasti. Perché non si aspetti sempre l’ennesima tragedia”.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Carabinieri setacciano l'area "internazionale" del Santuario di San Pio: scattano arresti e denunce

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • Ingerisce droga, neonata in coma a Foggia: "Monitoriamo parametri vitali, situazione stazionaria"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento