menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marasco e alle spalle De Pellegrino

Marasco e alle spalle De Pellegrino

Amgas cerca investitore privato, il PD a Landella: "Revochi delibera d'assemblea e faccia chiarezza in aula"

Amgas SpA. "La vicesindaco Roberto avalla la cessione di fatto della società senza informare il Consiglio comunale e nel pieno della crisi amministrativa"

A poche ore dalla notizia lanciata da FoggiaToday - 'L'assemblea dei soci il 9 aprile scorso (Landella dimissionario) ha deliberato una delle operazioni più grandi mai immaginate, autorizzando il CdA alla indizione di una “procedura aperta per la selezione di un investitore finanziario in grado di apportare capitali fino ad un massimo di 300 milioni di euro per l'acquisto delle reti di 2i Rete Gas spa e per la partecipazione alle future gare di ambito della Regione Puglia, attraverso anche la compartecipazione ad un veicolo societario quale futura piattaforma industriale concessionaria del servizio di distribuzione del gas naturale nella regione Puglia” - il gruppo consiliare del Partito Democratico chiede al sindaco Landella di revocare con urgenza la delibera di assemblea e di presentarsi in Consiglio comunale per fare chiarezza.

La nota del Partito Democratico

"Il Consiglio di Amministrazione di Amgas SpA avvia la cessione di fatto della società e ottiene l'avallo della vicesindaco Erminia Roberto, che firma una delibera di assemblea così importante nel pieno della crisi politica determinata dalle dimissioni del sindaco. Il 9 aprile scorso, infatti, la vicesindaco partecipa all'assemblea di Amgas SpA in rappresentanza del socio unico e autorizza l'avvio di una procedura di dubbia legittimità e pericolosamente ambigua sotto il profilo operativo. In sostanza, è stata attivata la procedura per la ricerca di un investitore finanziario in grado di rendere disponibili capitali per 300 milioni di euro con l'obiettivo di acquisire reti del gas in ambito regionale. In cambio di tale apporto si prevede la cessione di quote societarie di una non meglio precisata 'newco' da costituire ad hoc. E' sconcertante constatare che gli amministratori della società comunale abbiano l’ambizione di concorrere con colossi finanziari pur guidando una SpA ancora alle prese con il ripiano dei propri debiti e con i conti correnti pignorati dai creditori. E' ancora più grave che di tutto questo il Consiglio comunale sia stato tenuto all'oscuro e che si sia scelto di agire nel pieno di una grave crisi politico amministrativa, che ha rischiato di concludersi con lo scioglimento anticipato dell'Assise. Perché è stata sottratta al Consiglio comunale la prerogativa di dare indirizzi alla società partecipata, tra l'altro soggetta al 'controllo analogo' come prevede la normativa? I consiglieri comunali di maggioranza sono al corrente di questa operazione finanziaria? Perché tacciono? Perché i dipendenti di Amgas SpA si sono chiusi in un assordante silenzio? Sono stati coinvolti nel progetto e, quindi, ne sono corresponsabili? E' necessario che il sindaco Landella, ritornato sulla poltrona che proprio non riesce a mollare, revochi con urgenza la delibera di assemblea e si presenti al Consiglio comunale per fare chiarezza. In alternativa, sarà inevitabile il ricorso al prefetto, all’Anac e, se necessario, alla magistratura contabile e ordinaria"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento