rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca

Il ritorno a scuola spaventa: sindaci foggiani si organizzano, la Regione ha le mani legate

Lunedì 10 gennaio riaprono le scuole di ogni ordine e grado. Migliaia di contagiati tra alunni, docenti e personale scolastico. Esclusa dad o did. Scuola in presenza. A Orsara chiuse fino al 15 gennaio. A Lesina e Casalvecchio tamponi gratuiti

Non vi è dubbio che i governatori delle regioni siano preoccupati in vista della riapertura delle scuole in programma lunedì 10 gennaio. Tuttavia, dal Nord al Sud dello Stivale, non pioveranno ordinanze restrittive, men che meno nella Puglia zona bianca, nonostante il presidente Michele Emiliano sia stato tra i sostenitori più convinti del ricorso allo strumento della Dad o della didattica digitale integrata in epoca pandemica.

Come però ha evidenziato all’Ansa l’assessore regionale all’Istruzione Sebastiano Leo, non vi sarebbero i presupposti giuridici per ricorrere a strumenti alternativi alla scuola in presenza. Ad ogni buon conto si sta verificando un incremento esponenziale dei contagi, che coinvolge tutti: docenti, personale scolastico, alunni e famiglie. Mancherebbero anche le mascherine Ffp2. Ergo, la Regione ha le mani legate ma monitora la situazione: “Vediamo cosa succede nelle prossime ore”. 

In Puglia, dove si vaccina con il metodo 'scuola per scuola', la copertura vaccinale Covid per la fascia pediatrica 5-11 è del 22.2%, la più alta in Italia contro una media nazionale dell’11.9%. La copertura per la terza dose si attesta intorno al 44% (+4.5% rispetto alla media nazionale). in provincia di Foggia l'hanno ricevuta 208.690 persone, mentre sono 2104 i bambini ai quali è stata somministrata la prima dose. Per quanto riguarda i ricoveri, la percentuale dei posti letto in area non critica è del 15% (otto punti percentuali in meno rispetto alla media nazionale), del 7% quella delle terapie intensive. In Italia è del 16%. E' stabile da un po’ di giorni la curva dei contagi.

Nel frattempo a Orsara di Puglia la Giunta comunale ha già preso la sua decisione, sospendendo l’attività didattica in presenza per le scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado, compreso il micronido, fino al 15 gennaio. “I casi sono passati da 43 a 79. I risultati dello screening di massa che abbiamo svolto anche oggi e che continuerà domani e nei prossimi giorni, indicano che nelle prossime 24-48 ore il numero dei contagiati e delle persone sottoposte a quarantena aumenterà ancora”.

A Lesina, Poggio Imperiale e Casalvecchio di Puglia, i sindaci hanno puntato sui test all’infezione da Covid-19 Coronavirus gratuiti a tutti gli alunni. Altri sindaci si sono presi qualche ora di tempo per riflettere sul da farsi. La responsabilità delle decisioni ricadrà solo ed esclusivamente sugli amministratori locali, salvo clamorosi interventi da Bari o del Governo.

Va ricordato che per quanto riguarda la gestione delle positività negli istituti scolastici, nelle scuole d’infanzia è prevista la sospensione delle attività per dieci giorni già in presenza di un caso di positività. Nelle primarie, con un caso di positività si attiva la sorveglianza con testing. L’attività in classe prosegue effettuando un test antigenico rapido o molecolare appena si viene a conoscenza del caso di positività, test che sarà ripetuto dopo cinque giorni. In presenza di due o più positivi è prevista, per la classe in cui si verificano i casi di positività, la didattica a distanza per la durata di dieci giorni.

Per quanto riguarda la suola secondaria di I e II grado (media, liceo, istituti tecnici etc etc): fino a un caso di positività nella stessa classe è prevista l’auto-sorveglianza e l’uso in aula delle mascherine Ffp2.  Con due casi nella stessa classe è prevista la didattica digitale integrata per coloro che hanno concluso il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni, che sono guariti da più di 120 giorni, che non hanno avuto la dose di richiamo. Per tutti gli altri, è prevista la prosecuzione delle attività in presenza con l’auto-sorveglianza e l’utilizzo di mascherine Ffp2 in classe. Con tre casi nella stessa classe è prevista la dad per dieci giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ritorno a scuola spaventa: sindaci foggiani si organizzano, la Regione ha le mani legate

FoggiaToday è in caricamento