Acd Foggia Calcio-Francavilla 2-3 | La prodezza di Varriale regala i tre punti agli ospiti

Nell'esordio stagionale in casa, dinanzi ad uno Zaccheria deserto, i rossoneri cedono ai lucani. Come settimana scorsa, i rossoneri passano in vantaggio prima di essere raggiunti e superati dai gol di Varriale e Coquin. Ad inizio ripresa il pari di Agnelli prima dell'eurogol di Varriale al 36' della ripresa

Il presidente Davide Pelusi canta insieme ai tifosi fuori dallo Zaccheria - fonte Foto Antonio Ricciuto sulla bacheca facebook di ACD Foggia Calcio

 

Nella più triste delle cornici rappresentata dallo Zaccheria deserto, il Foggia stecca alla prima in casa, e regala tre meritati punti al Francavilla sul Sinni, squadra onesta, che magari non ambirà ai vertici della classifica, ma che possiede tutte le carte per poter disputare un dignitoso campionato.

Per il Foggia ancora tanti errori in fase difensiva, dall'incerto portiere Mormile, alla topica di Digno, fino a giungere all'inguardabile Quinto, peggiore in campo, autore di una prova scadente, e responsabile del fallo da rigore che ha portato il Francavilla sul momentaneo 2 a 1. Saranno tante le gatte da pelare per mister Padalino, che deve fare i conti con un organico limitato numericamente, e, per alcuni settori, anche qualitativamente. Il solo Agnelli, nuovamente il migliore, non può bastare. Di Bari sta lavorando per puntellare soprattutto il reparto arretrato, ma serve un intervento massiccio.

CONTINUITA' - La mancanza di alternative e i dettami imposti dalla Lega di Serie D sugli under, obbligano Padalino a confermare in blocco l'undici di partenza presentato anche domenica scorsa a Santa Maria Capua Vetere. Recuperato Esposito in difesa, mentre Quinto vince il ballottaggio con Niang, a detta del mister rossonero, ancora a corto di condizione.

Non è che Quinto dia l'impressione di star meglio. Il ragazzo che dovrebbe garantire in tandem col compare di reparto Agnelli, qualità, quantità e una buona dose di esperienza, incappa in uno dei pomeriggi più tristi della sua carriera, collezionando errori uno dopo l'altro, in fase di appoggio, e di palleggio, perdendo un considerevole numero di palloni, dando il là alle ripartenze degli avversari. Gli ospiti si fanno preferire, non tanto per il gioco che latita da ambo le parti, quanto più per l'ordine con il quale sono disposti in campo, un 4-4-2 classico, esterni alti bravi a lavorare in combo con i terzini, due centrali bloccati a far filtro in mezzo, e le due punte Varriale e Coquin, abili a scambiarsi di posizione e a non dare punti di riferimento davanti, e i primi a dar fastidio quando la palla ce l'hanno gli avversari. Sull'altro versante, l'unico che dà l'idea di capirci qualcosa è Agnelli, dai cui piedi partono tutte le azioni rossonere. Il capitano non sbaglia un lancio, dimostrandosi ancora una volta un lusso per la categoria, peccato che né le punte La Porta e Giglio, né gli esterni Palazzo e Coccia, premino le sue aperture illuminanti.

GOL ED ERRORI - Se fino alla mezz'ora, l'unico lampo è stato il palo su punizione colpito dal terzino Nicolao all'11', l'ultimo quarto d'ora si rianima, grazie soprattutto all'inaugurazione della fiera degli errori. Il Foggia passa al 29' su rigore procuratosi da Giglio e trasformato ancora da La Porta. Il tempo di festeggiare, che già il tabellino necessita di un aggiornamento, grazie al gentile omaggio di Digno, che litiga in area col pallone, facendoselo sottrarre dall'indemoniato Coquin che favorisce la vincente conclusione di Varriale. Ancor peggio riesce a fare Quinto, che al 32' si fa rubar palla innescando la ripartenza di Coquin (conclusione parata da Mormile) e 8 minuti dopo commette fallo su Varriale in area. Penalty che Coquin trasforma.

SECONDO TEMPO - Nella ripresa Padalino corre ai ripari lasciando negli spogliatoi l'inguardabile Quinto, e inserendo Niang. Il centrocampista ex Sorrento, non sarà Vieira, ma riesce a dare chili e centimetri al centrocampo rossonero, consentendo anche ad Agnelli di respirare in fase di interdizione. Il capitano decide di inventarsi da solo il gol del pari dopo due minuti, con una splendida azione personale dalla sinistra, e conclusione finale di destro che piega le dita all'estremo difensore Ziembanski. Un gol che dovrebbe spezzare gli equilibri a favore del Foggia, che invece va soltanto due volte vicino al gol con Palazzo e Villani, al 5' e al 26' sempre grazie a due invenzioni di Agnelli. Tutto qui. Perché la manovra rossonera si incarta strada facendo, con l'aggravante dell'appesantimento fisico che la condizione non ancora ottimale, comporta.

Il gioco dei rossoneri si perde tra i disordinati movimenti di La Porta e Giglio, e le fiammate estemporanee di Palazzo e di Coccia, sostituito dallo sfortunato Isotti che lascerà il campo dopo dieci minuti a De Vivo.

LA BEFFA- E come spesso accade, la squadra ospite, giunta per disputare un match tranquillo senza pretese di cogliere la piena posta in palio, si ritrova quasi senza volerlo i tre punti in cassaforte. E' l'eurogol di Varriale che uccella il povero Mormile, già freddato la settimana scorsa da un tiro dalla distanza, a decidere il match. Una sassata da quasi trenta metri dal versante sinistro, che si insacca sotto l'incrocio. Il degno epilogo per l'attaccante degli ospiti, autore di un'ottima prestazione, pessimo finale per i padroni di casa che alla desolazione determinata dallo stadio senza tifosi, deve aggiungere l'amarezza della prima sconfitta in casa.

LE PAGELLE CLICCA QUI

Tabellini

Acd Foggia Calcio (4-4-2) Mormile; Basta, Esposito, Digno, Villani; Coccia (32'st Isotti (41'st De Vivo)), Quinto (1'st Niang), Agnelli, Palazzo; Giglio, La Porta. A disposizione: Leo, Berardi, Loiacono, Agostinone. Allenatore Padalino

F.C. Francavilla (4-4-2) Ziembanski; Russillo, Marziale, Digiorgio, Nicolao; Manzella (32'st Filidoro), Della Ventura, Congiu (25'st Masiello), De Lucia (17'st Nuzzo); Varriale, Coquin. A disposizione: Travascio, Ferrara, Pellegrini, De Marco. Allenatore Lazic

Arbitro: Pasquale Boggi di Salerno

Marcatori: 29'pt La Porta (F) su calcio di rigore, 30'pt Varriale (FR), 41'pt Coquin (FR) su calcio di rigore, 2'st Agnelli (F), 36'st Varriale (FR)

Ammoniti: Della Ventura (FR), Digiorgio (FR)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Puglia in zona gialla 'rinforzata' fino al 15 gennaio: cosa è concesso fare (e cosa no)

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Orrore nelle campagne di Cagnano, lupo trovato impiccato a un albero

  • Neve fino a quote basse e temperature in calo: oggi tempo incerto, domani sole e giovedì sera la coltre bianca

Torna su
FoggiaToday è in caricamento