"Ti devi vergognare". Urla in aula, Landella è una furia contro Cavaliere: "Il bubbone (Raco) lo avete creato voi"

La delibera sulla proposta transattiva relativa ai lavori del Teatro Giordano è stata ritirata dal segretario generale perché carente del parere tecnico. Ma prima si è consumato uno scontro tra il sindaco e il consigliere d'opposizione

Lo scontro in aula tra Landella e Cavaliere

La transazione Raco per i lavori del Teatro Giordano scatena la bagarre in Consiglio comunale. Il consigliere di opposizione Pippo Cavaliere ha chiesto la parola durante i lavori e il sindaco di Foggia Franco Landella ha obiettato che se l'atto fosse stato ritirato perché carente del parere tecnico non ci sarebbe stata discussione, e già lì si sono scaldati gli animi. Cavaliere ha contestato in modo duro che la seduta fosse stata convocata in via d'urgenza perché lunedì scadono i termini entro cui il Comune deve riferire al giudice se aderisce o meno alla proposta transattiva, per poi ritirare la proposta.

Un aggettivo, che già nelle passate sedute aveva infiammato lo scontro tra sindaco e minoranza, a riprova di quanto proprio non tolleri il termine vergogna e tutti i suoi derivati, fa saltare dalla sedia il primo cittadino: "È vergognoso che dopo aver convocato un Consiglio comunale oggi voi ritirate la proposta e vi presentiate impreparati", ha detto l'ex candidato sindaco del centrosinistra. Landella è andato su tutte le furie: "Offendi il Consiglio comunale, sei tu che ti devi vergognare". Cavaliere è rimasto quasi impassibile davanti a un sindaco furioso. "Questo bubbone lo hai creato tu e il centrosinistra", gli ha rinfacciato.

Difficile seguire la diretta streaming (la seduta continua a tenersi a porte chiuse e non è consentito l'accesso al pubblico e ai giornalisti), e captare l'audio ambiente, una volta lontani dai microfoni, peraltro a singhiozzo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Malcapitato Giuseppe Fatigato che, in qualità di vice, ha sostituito il presidente del Consiglio comunale Leonardo Iaccarino e alzando la voce ha provato a riportare l'ordine. Ma le scintille non sono finite e il sindaco è ripartito alla carica. Sbollita la rabbia è tornato sul suo scranno mentre Cavaliere ha lasciato l'aula. "A me dispiace - aggiungerà a margine del Consiglio - che si sia assunta la responsabilità del ritiro il segretario generale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intenso nubifragio su Foggia: allagamenti e black out in città, chiuso il sottopasso di via Scillitani

  • Ancora assalto a portavalori sulla A14: paura tra gli automobilisti e traffico bloccato verso Canosa

  • Coronavirus, risalita vertiginosa dei contagi: 26 nuovi casi in Puglia (9 nel Foggiano)

  • Il mare agitato tiene 'in ostaggio' 7 persone (tra cui 3 bambini): militare di Amendola si tuffa in acqua e le salva: "Ho temuto anch'io"

  • Dal Lussemburgo alla Puglia per le ferie: 6 turisti positivi al Covid-19, erano partiti senza attendere i risultati del test

  • "Non posso 'chiudere' la Regione". Emiliano ai prefetti: "Regole ferree: dobbiamo convivere col virus"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento