Atto vandalico alla scuola media di Troia: "Non è la prima volta che accade, ma non saremo mai preda di quattro balordi"

Il duro commento del sindaco del comune dei Monti Dauni dopo l'incendio, causato dal lancio di un petardo, che ha distrutto il laboratorio musicale e il banco alimentare: "Abbiamo bisogno di più sicurezza, chiederò un incontro al Prefetto"

"La nostra città, la nostra comunità è altro rispetto a quello che è accaduto oggi. Troia non è, né sarà mai preda di quattro balordi". È il commento del sindaco Leonardo Cavalieri dopo l'atto vandalico che ha seriamente danneggiato alcuni locali della scuola media di Troia. 

"Ho chiesto ai responsabili di presentarsi in Comune per chiedere scusa alla scuola e all’intera comunità. Le autorità competenti stanno eseguendo le indagini per risalire agli autori, mi pare ovvio che scatterà la denuncia.

Non tocca certo a me punire, sarà la legge a fare il giusto corso, ma chiedere scusa significa ammettere la colpa, il primo passo verso la presa di coscienza rispetto ad un gesto che ha distrutto il laboratorio musicale e il banco alimentare e che avrebbe potuto provocare danni ancor più gravi, che non voglio neanche immaginare.

L’incendio di stamane, però, si somma a una serie di altri atti vandalici messi a segno, negli ultimi mesi, da chi non ha un minimo senso di coscienza civica. Episodi spesso gravi che rendono, anche nella percezione, meno sicura la città. In un comune come il nostro, che conta oltre 7 mila abitanti, che si estende su un territorio molto vasto dove sono attive decine di aziende, e dove vivono tantissimi cittadini, è forte l’esigenza di un maggiore controllo da parte delle forze dell’ordine.

Abbiamo bisogno di più sicurezza, per questo, lunedì chiederò un incontro al Prefetto.
Tra telefonate, messaggi, e post sulla pagina facebook del Comune emerge la giusta indignazione dei cittadini, ma permettetemi di mettere in risalto anche i messaggi ricevuti di solidarietà alla scuola, al Comune, alla comunità, e quelli di concreta offerta di aiuto.
C’è chi ha offerto gratuitamente la propria opera per gli interventi di ricostruzione dei locali distrutti dalle fiamme e chi si è reso disponibile per contribuire all’acquisto delle derrate del Banco Alimentare. Grazie di cuore…Troia è questa". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento