I 29 sindaci dei Monti Dauni minacciano le dimissioni: "Il contratto di sviluppo è un delitto premeditato perfetto"

Incontro oggi con il Presidente della Provincia, Nicola Gatta. Appello al Prefetto a riaprire il tavolo. Iniqua la ripartizione territoriale delle progettualità e delle risorse: "Non firmate i ci dimettiamo"

Conte alla firma del Cis

No alla firma al Contratto Istituzionale di Sviluppo o ci dimettiamo in massa. E' la minaccia dei sindaci dei Monti Daunia all'indomani della illustrazione dei contenuti del CIS Capitanata presentato a Roma e che lascia "a bocca asciutta" quella porzione di territorio. (Qui le dichiarazioni di alcuni primi cittadini nelle ultime ore).

Di seguoto il documento inviata alla stampa: "I sottoscritti Sindaci, in rappresentanza dei 29 Comuni dei Monti Dauni, su richiesta del Coordinatore delegato della SNAI (Strategia Nazionale Aree Interne), Michele Dedda, hanno chiesto di incontrare il Presidente della Provincia di Foggia Nicola Gatta. L’incontro è avvenuto in data odierna presso la sede della Provincia in Via Telesforo.

Tale incontro si è reso necessario dopo aver avuto cognizione delle decisioni prese dal C.I.S. (Contratto Istituzionale per lo Sviluppo della Capitanata) in ordine alla destinazione e ripartizione di tali fondi. Nell’assegnazione delle risorse, in concreto, è stata quasi completamente ignorata l’Area Interna Monti Dauni.

I Sindaci ritengono gravi e discriminatorie tali decisioni e di conseguenza inaccettabili! Pertanto, avanzano le richieste di seguito specificate: di chiedere a tutti i Soggetti Istituzionali che, a vario titolo, hanno partecipato ai lavori del C.I.S., di non sottoscrivere il contratto che definisce la ripartizione dei fondi. La ripartizione, ritenuta iniqua, ignora completamente le indicazioni di finanziamento di Progetti Strategici dell’Area Interna Monti Dauni (Progetto Pilota per la Puglia) che erano state avanzate in sede di concertazione; di chiedere a S.E. il Prefetto di Foggia, di convocare con cortese urgenza tutti i 29 Sindaci dei Monti Dauni, affinchè si possa “Riaprire il Tavolo di Concertazione del C.I.S. Capitanata” per addivenire ad una ripartizione più equa e strategica delle risorse. In particolare destinando questi fondi secondo le indicazioni contenute nella Strategia Area Interna Monti Dauni; i Sindaci, inoltre non escludono la possibilità di iniziative clamorose, quali le possibili “Dimissioni in massa” di tutti i 29 Sindaci, nel caso in cui queste istanze non trovassero ascolto.

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento