Entusiasmo, professionalità integrate e tecnologia: gli ingredienti del successo dell'Ambulatorio delle Cronicità

Per una presa in carico totale dei pazienti, volta a favorire il benessere fisico e relazionale: l'esempio virtuoso del PTA di San Marco in Lamia. Una attività svolta con entusiasmo da tutti gli operatori con riscontri più che positivi

Attività ambulatorio all'aperto

Una presa in carico globale che, oltre alla stabilizzazione dei parametri clinici, stimola il movimento fisico e le relazioni sociali. È l’ambizioso traguardo raggiunto dagli operatori sanitari dell’Ambulatorio delle Cronicità del Presidio Territoriale di Assistenza di San Marco in Lamis, nell’ambito del Distretto Socio-Sanitario diretto da Michele Ciavarella.

Fortemente voluto dal Direttore Generale Vito Piazzolla e avviato con successo da due anni, l’Ambulatorio ha come obiettivo la presa in carico delle persone affette da patologie croniche attraverso un processo organizzativo che, partendo dai Punti Unici d’Ascolto (PUA) in ambito distrettuale, passando per la valutazione multidimensionale dei bisogni giunge alla predisposizione di pacchetti assistenziali personalizzati in base alle necessità specifiche espresse dalla persona e dalla sua famiglia.

La presa in carico è agevolata anche dall’utilizzo di innovativi strumenti informatici quali la cartella informatizzata multiprofessionale, arricchita del linguaggio standardizzato ICNP® e di specifiche scale di valutazione (adottata su proposta della coordinatrice infermieristica Carla Lara d’Errico, con la collaborazione del coordinatore infermieristico Stefano Marconcini). Una attività svolta con entusiasmo da tutti gli operatori e che, dopo due anni, vanta un bilancio più che positivo.

Grazie alla fattiva ed appassionata integrazione della fisioterapista Maria Grazia Leggieri, infatti, sono oggi attivi, presso il Distretto Socio-Sanitario di San Marco in Lamis, sei gruppi di ginnastica posturale con monitoraggio dei paramenti clinici secondo follow up stabiliti al momento della presa in carico. Delle attività e di eventuali anomalie riscontrate sono puntualmente informati i medici di medicina generale e i medici specialisti dell’Ambulatorio.

I gruppi, composti da uomini e donne di età compresa tra i 40 e gli 80 anni, hanno raggiunto un elevato livello di integrazione consolidato da uscite di gruppo, cene, danze riproposte con cadenza ciclica. Con l’avvento della stagione estiva, considerata la maturità e la coesione del gruppo, l’attività ginnica si è spostata all’aperto, presso lo Stadio comunale grazie ad un accordo con il sindaco di San Marco in Lamis, Michele Merla.

A conclusione dell’ “Anno Salutistico”, così come definito per racchiudere il senso di un impegno di salute costante come accade per le attività scolastiche, il Distretto ha organizzato la “Prima giornata del Benessere”, in programma il 29 prossimo giugno a San Giovanni Rotondo presso il Tenimento Santa Barbara. La giornata vedrà il coinvolgimento anche delle Associazioni di Volontariato del Territorio, al fine di condividere i risultati raggiunti e promuovere sani stili di vita attraverso lezioni di yoga e meditazione, interventi di sana alimentazione e attività di animazione sociale. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultim'ora | Carabinieri 'rastrellano' il Foggiano: scatta il blitz anticrimine, in azione elicottero e unità cinofile

  • Terribile incidente stradale sulla Statale 16: violento impatto tra un'auto e un tir, c'è una vittima

  • Blitz anticrimine nel Foggiano: pioggia di arresti dalle prime luci dell'alba, 180 carabinieri alla ricerca di armi e droga

  • Shock a Milano, foggiana rifiutata da una "salviniana razzista" "Non ti affitto casa perché sei del Sud" (Audio)

  • Foggiana rifiutata, milanese "razzista e salviniana" ritratta: "Colpa della menopausa, disposta ad affittarle casa senza cauzione"

  • Folle fuga in A14: foggiano su un'auto rubata forza posto di blocco, sfonda casello e poi si schianta contro un muretto

Torna su
FoggiaToday è in caricamento