Differenziata, Morese smentisce De Pellegrino: "Gli obiettivi del piano Tari sono stati ampiamente raggiunti"

L'assessore: "Presa una cantonata. Al momento del nostro insediamentoci è stata consegnata una raccolta differenziata pari al 5,5%, che a fine 2016 siamo riusciti a portare al 17,51%. Questa è la realtà, il resto è solo polemica"

Francesco Morese

L'assessore comunale Francesco Morese non ci sta agli attacchi del capogruppo del PD, Alfonso De Pellegrino, circa il presunto fallimento, in materia, dell'Amministrazione Landella. Al contrario, rincara la dose: “Gli obiettivi contenuti nel piano Tari approvato dal Consiglio comunale nell’aprile del 2016, con particolare riferimento alle percentuali di raccolta differenziata, sono stati ampiamente raggiunti".

A certificare la tesi di Morese vi sono i dati dell’Osservatorio rifiuti del portale ambientale della Regione Puglia. "Non si tratta dunque di un’affermazione campata per aria o di un auspicio, ma di un dato che chiunque può verificare collegandosi all’indirizzo web www.sitpuglia.it". L’obiettivo di raccolta differenziata per giugno 2016 indicato nel piano Tari era pari al 13%, come ricorda il consigliere Alfonso De Pellegrino.

"Ebbene, basta consultare il portale della Regione Puglia per rendersi conto che a giugno 2016 la raccolta differenziata nella città di Foggia è stata del 18,48%", continua Morese. "A fine 2016, invece, l’obiettivo fissato nel piano Tari era del 14%. A novembre 2016 sempre l’Osservatorio rifiuti del portale ambientale della Regione Puglia certifica la raccolta differenziata a Foggia al 19,41%, con una media annuale - nell’attesa dei dati ufficiali del mese di dicembre - del 17,51% ed un andamento complessivo nel corso dell’anno stabile e costante.

DIFFERENZIATA, SCARICA IL REPORT DEL COMUNEreportComune-2

"Le percentuali contenute nel rapporto di Legambiente, da cui il consigliere De Pellegrino prende spunto per le sue infondate accuse, sono infatti riferite all’anno 2015", continua l'assessore. "Da questo punto di vista, è opportuno ricordare che al momento dell’insediamento dell’attuale Amministrazione comunale la raccolta differenziata a Foggia era di media intorno al 5,5% e che il progetto presentato da Comune di Foggia ed Amiu SpA, in larghissima parte ereditato da chi ci ha preceduto alla guida di Palazzo di Città, è partito operativamente solo nel novembre del 2015".

"Circostanza, questa, che spiega in modo abbastanza evidente i motivi e le ragioni del dato dell’anno 2015 diffuso da Legambiente. Ce n’è abbastanza per poter dire che il consigliere De Pellegrino ha preso una notevole cantonata - continua - Perché i numeri certificati dalla Regione Puglia per il 2016 sono un fatto, non un’opinione. È ovvio che c’è ancora molto da fare. È chiaro che bisogna migliorare performance che restano ancora basse e che occorre migliorare significativamente, invertendo in modo ancor più radicale un trend che viene purtroppo da lontano".

"Non può sfuggire, però, che al momento del nostro insediamento - conclude - ci è stata consegnata una raccolta differenziata pari ad una media di circa il 5,5% e che a fine 2016 siamo riusciti a portarla al 17,51%. Questa è la realtà, documentata ed ufficiale. Il resto è solo polemica politica”.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento