menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marasco e Il Pane e le Rose

Marasco e Il Pane e le Rose

Marasco capogruppo de ‘Il Pane e le Rose’: “Art-bonus per restaurare Chiesa delle Croci”

L’ex candidato sindaco del centrosinistra e coordinatore del progetto ‘Foggia 2019’ “avvia” la campagna di raccolta fondi dai privati per completare il restauro, attraverso la formula art-bonus”

Dopo la conversione in legge del Decreto Cultura e Turismo, avvenuta ieri sera al Senato, Augusto Marasco, già candidato sindaco del centrosinistra, stamattina indicato come capogruppo de ‘Il Pane e le Rose’ in Consiglio comunale e coordinatore del progetto “Foggia 2019” dichiara: “L’art-bonus varato definitivamente ieri sera può stimolare una campagna di raccolta fondi dai privati per completare il restauro dell’intero compendio della Chiesa delle Croci, di cui è stato elaborato ed è stato finalmente finanziato un progetto da 500mila euro che riguarda il portale molto pericolante”.

L’architetto foggiano aggiunge: “Il cosiddetto art-bonus, che prevede la deducibilità del 65 per cento delle donazioni devolute per il restauro di beni culturali pubblici o per i musei, i siti archeologici, le biblioteche e gli archivi pubblici è un’importantissima opportunità che gli imprenditori e i foggiani con maggiori disponibilità devono sentirsi chiamati a cogliere, per una grande operazione di restauro del complesso monumentale della Chiesa delle Croci. O magari per materializzare, con il concorso delle necessarie risorse pubbliche, considerato l’impegno finanziario più rilevante, il sogno del grande parco urbano e archeologico Campi Diomedei, che comprenda restauro e riuso del Teatro Mediterraneo

Marasco ricorda anche un’altra delle opportunità aperte dall’importante iniziativa legislativa del ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini, e cioè i 3 milioni di euro che, da quest’anno e fino al 2016, sono destinati dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti a finanziare progetti culturali nelle periferie urbane, elaborati dagli enti locali.  “Come si ricorderà uno degli ultimi miei impegni da assessore fu l’elezione del Comune di Foggia nella Segreteria tecnica della Rete Città Urban, istituita proprio nel MIT con la prospettiva di un rilancio di quei programmi nazionali che servano alla rigenerazione delle città. Sarebbe utile che il Comune di Foggia cominci a lavorare per intercettare le risorse previste per promuovere eventi culturali nelle periferie, in modo da sostenere e coinvolgere le positive iniziative che, tra comitati civici e di quartiere, abbiamo visto svilupparsi in questi anni”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento