"Emiliano ricorra contro Salvini", Elena Gentile tira fuori la Legge pro immigrati: "Puglia terra d'accoglienza"

L'europarlamentare del Pd in un video su facebook mostra la legge regionale n.32 del 2009 contro cui confliggerebbe il Decreto sicurezza. Da qui la richiesta a Michele Emiliano di ricorrere alla Corte Costituzionale

Si chiama “Norme per l’accoglienza, la convivenza civile e l’integrazione degli immigrati in Puglia” ed è la legge regionale n.32 del 4 dicembre 2009 che oggi consente all’europarlamentare PD ed ex assessore regionale al Welfare, Elena Gentile, di marcare la differenza “tra noi e loro” (Puglia contro Governo nazionale) rispetto al tema dell’immigrazione, invitando il presidente Emiliano, anche in virtù di questo atto, votato quasi dieci anni fa dal consiglio regionale, di scendere ufficialmente in campo e di fare ricorso alla Corte costituzionale contro il Decreto Sicurezza di Matteo Salvini.

Gentile parla attraverso un video su Facebook: “Vi mostro una cosa – dice-, una legge votata dal consiglio regionale pugliese nel 2009 e già nella sua titolazione potete cogliere il senso di una legge politica assolutamente coerente con la storia, con le tradizioni e con la vocazione di accoglienza e di integrazione che il popolo pugliese ha espresso. Ma voglio raccontarvi come è nata: dall’incrocio felice di competenze e passioni dentro la società civile ma anche dentro l’intera filiera istituzionale. Cosa ci chiedevano i nostri interlocutori? Ci chiedevano di confezionare una norma che rendesse esigibili i diritti fondamentali, alla salute, all’istruzione, alla qualità della vita, per donne e uomini immigrati sul nostro territorio, in attesa del riconoscimento dello status di rifugiato politico e comunque garantiti da misure di protezione internazionale.

24 articoli che parlano di equiparazione in termini di assistenza sanitaria, di formazione, di accesso al mercato del lavoro, distribuendo una serie di doveri in campo alle amministrazioni periferiche. “Questa Legge oggi rischia di essere inapplicabile – continua Gentile- perché nel frattempo è intervenuta una norma nazionale, il Decreto Sicurezza, che ha reso praticamente invisibile questa platea di uomini, donne e bambini. Chiediamo al presidente Emiliano di scendere in campo, così come stanno facendo molti suoi colleghi presidenti di regione nel nostro Paese, impugnando il decreto sicurezza di fronte alla Corte costituzionale per evidenti contraddizioni rispetto al dettato della nostra Costituzione. Se lo aspetta la Puglia – conclude l’europarlamentare dem-, se lo aspettano i nostri amministratori, gli operatori socio-sanitari, tutti coloro i quali hanno la responsabilità di continuare a declinare la storia di grande umanità che il popolo pugliese ha sempre espresso”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento