Lunedì, 27 Settembre 2021
Economia Lucera

Lucera sogna la tratta ferroviaria per avvicinarsi a Roma

La proposta del sindaco Giuseppe Pitta: “Utilizziamo le risorse del Recovery Fund per un'importante infrastruttura che guardi al futuro, nel solco di un percorso di modernità ed eco-sostenibilità economica”

“Realizzare la tratta ferroviaria Lucera-Campobasso, utilizzando le risorse del Recovery Fund, al fine di costituire una linea ferroviaria più breve tra Foggia e Roma, in grado di rafforzare il traffico merci e passeggeri del territorio della Capitanata, della Puglia e del Molise”.

E' la proposta del sindaco di Lucera, Giuseppe Pitta, che ha chiesto un tavolo di confronto su tale ipotesi progettuale, con una lettera inviata il 16 febbraio 2021, ai presidenti delle Regioni Puglia e Molise, Michele Emiliano e Donato Toma, ai presidenti delle Province di Foggia e Campobasso, Nicola Gatta e Francesco Roberti, all'assessore alle Infrastrutture e vicepresidente della Regione Puglia, Raffaele Piemontese, alla struttura tecnica del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ai consiglieri regionali ed ai parlamentari dei territori di Foggia e del Molise.

“La strettissima attualità nazionale evidenzia la circostanza per la quale - scrive il sindaco nella sua lettera - l’intervento dello Stato nella politica economica gioverà di un nuovo strumento finanziario, il Recovery Fund (o Next generation EU), consistente nella disponibilità di cospicue risorse atte a rilanciare l’economia provata dalla crisi conseguente alla diffusione dell’epidemia Covid-19. Appare del tutto evidente - prosegue Pitta - che il corretto utilizzo delle risorse dipenderà, principalmente, dal grado di efficienza dei processi decisionali che, a monte e a valle, determineranno le scelte di impiego”. In tale prospettiva, la comunità lucerina, “così come altre insistenti nella medesima area territoriale, da quasi un ventennio, nutrono l’ambizione - evidenzia il primo cittadino - di implementare le poche infrastrutture di agevole collegamento verso il centro-nord, quindi verso Campobasso e l’intero Molise, per accrescere le possibilità di sviluppo di un territorio mortificato dalla sostanziale assenza di investimenti infrastrutturali di rilievo”.

Alla base della proposta di cui il sindaco di Lucera si fa promotore, vi sono “ragioni di sviluppo economico volte a portare un maggiore livello di benessere e qualità della vita. Come è noto, l’intero territorio della provincia di Foggia sconta un deficit in termini di sviluppo produttivo e commerciale rispetto ad altri distretti regionali, pur avendo grandi risorse e notevoli margini di crescita nel settore produttivo agricolo oltre che nel comparto turistico”. Nell’ambito di una strategia di sviluppo eco-sostenibile, assume quindi “particolare rilevanza lo spostamento del traffico delle merci e delle persone dalla gomma alla ferrovia, che può essere alimentata dall’elettricità e quindi da fonti rinnovabili, di cui la provincia di Foggia rappresenta il maggior produttore a livello nazionale”.

Per il sindaco di Lucera, “cogliere questa occasione significa investire su un’importante infrastruttura che guardi al futuro piuttosto che a esigenze contingenti, senza una visione di crescita e sviluppo nel medio e lungo periodo. La tratta ferroviaria che collegherebbe Lucera a Campobasso risulterebbe il prolungamento di quella già esistente che collega Lucera alla Stazione Centrale di Foggia; nel capoluogo molisano già esiste una linea ferroviaria collegata direttamente con Roma, la cui elettrificazione completa è in fase di realizzazione. Con tale infrastruttura verrebbe così a costituirsi - sottolinea Pitta - una linea ferroviaria più breve tra Foggia e Roma che potrebbe essere adibita al traffico delle merci e dei passeggeri”. 

"In questo contesto, non va dimenticato che sono in corso i lavori di riattivazione dello scalo aereo foggiano Gino Lisa, che diventerà di fatto anche l’aeroporto del Molise. Un trasporto ferroviario veloce ed efficiente tra i due capoluoghi porterebbe quindi anche maggiore traffico al nuovo aeroporto pugliese, con evidenti ricadute positive in termini di affluenza turistica ed opportunità di sviluppo ai territori interessati”.

Per queste ragioni, il sindaco di Lucera intende sottoporre all'attenzione di tutti gli attori istituzionali, sociali e politici “questa proposta, in quanto ritengo che - afferma Pitta - solo una visione organica e armoniosa dello sviluppo delle infrastrutture possa portare reali benefici alle comunità servite e che l’idea di sviluppo socio-economico sostenibile debba perseguire lo scopo di incentivare le vocazioni storiche e culturali dei territori. La Capitanata ed il Molise hanno una cultura e una tradizione prevalentemente agricola, ma anche il turismo riveste da decenni un ruolo di primo piano sulla scena economica locale. Per lo sviluppo di questi settori e dell’intero territorio, occorre però facilitare le interconnessioni strutturali ed agevolare lo scambio dei beni e la circolazione delle persone. La linea ferroviaria elettrica tra Foggia e Campobasso si muove proprio nel solco di un percorso - conclude Pitta - di modernità ed eco-sostenibilità economica, tema cruciale dei collegamenti e della mobilità delle merci e dei passeggeri”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lucera sogna la tratta ferroviaria per avvicinarsi a Roma

FoggiaToday è in caricamento