Monte Sant’Angelo sciolto per mafia. Il sindaco: “Mai condizionati da nessuno”

Il sindaco di Monte Sant’Angelo, Antonio Di Iasio, commenta lo scioglimento del Consiglio comunale: “Ci adopereremo per tutelare il nome della città e la sua storia"

Il sindaco Di Iasio

La notizia dello scioglimento del Consiglio comunale di Monte Sant’Angelo per mafia, deliberato dal Consiglio dei Ministri su proposta del ministro dell’Interno, Angelino Alfano, sembra essere piombato sulla città e sull’amministrazione comunale come un fulmine a ciel sereno. E’ quanto si evince dalle dichiarazioni del sindaco, Antonio Di Iasio: “A nome dell'amministrazione comunale sono profondamente rammaricato per questa notizia. Per tutte le conseguenze che subirà la nostra città. Posso solo dire che non siamo mai stati condizionati da nessuno e in questi tre anni abbiamo sempre agito per il bene comune. Sempre. Aspettiamo di leggere la relazione per capire le motivazioni e restiamo fiduciosi nel lavoro della magistratura. Ci adopereremo per tutelare il nome della città e la sua storia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • In arrivo un nuovo decreto, filtra una bozza: restrizioni fino al 31 luglio e multe fino a 4mila euro per i trasgressori

  • Capitanata sotto choc, medico muore nell'inferno del Coronavirus. "Unica colpa è di aver fatto il suo dovere"

  • Coronavirus: due città diventano 'zona rossa' con almeno 51 casi positivi, quattro sono amaranto e tre lilla

  • Bollettino tragico: quattro morti in provincia di Foggia, solo oggi 120 positivi al Coronavirus in Puglia

  • Chiudono le pompe di benzina e gasolio: si comincia da mercoledì: "Da soli non ce la facciamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento