rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca

Morte Lucio Dalla, Arbore: “Sua madre portava i vestiti alla mia, io lo cullavo”

In un'intervista rilasciata a TgBlu l'artista foggiano ricorda il cantautore bolognese e di quando la madre da Manfredonia portava i vestiti alla sua. "Qualche mese fa siamo stati a Siponto"

La morte di Lucio Dalla ha lasciato tutti a bocca aperta. "Questo è un momento tristissimo e non mi sento di parlare con nessuno". Lo ha riferito Francesco De Gregori, l'amico e collega di Banana Repubblic e Work in Progress.

In un’intervista rilasciata all’emittente foggiana TgBlu, anche l’artista foggiano Renzo Arbore ha voluto ricordare l’amico Lucio, scomparso questa mattina a Montreux in Svizzera per un infarto. Amico del Gargano, origini sipontine, cittadino onorario e sostenitore delle Isole Tremiti, il cantautore bolognese se n'è andato a pochi giorni del suo 69esimo compleanno.

"Sono tremendamente rattristato. Ho un ricordo piacevole di Lucio, un ricordo che proprio lui mi aveva fatto notare: sua madre, da Manfredonia veniva a Foggia per vendere i vestiti alla mia. E portava con se quel fagottino, che io cullavo". Sempre a TgBlu lo showman foggiano ha aggiunto - "Soltanto molti anni dopo mi disse: "Ti ricordi di me? Sono il figlio della signora Ferrara di Manfredonia. Mamma mi ha detto che mi tenevi in braccio".

"L'ultima volta che siamo stati insieme - ha aggiunto ancora Arbore – è stato qualche mese fa quando siamo stati a Siponto da amici comuni per mangiare piatti nostrani che a lui piacevano tantissimo".

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte Lucio Dalla, Arbore: “Sua madre portava i vestiti alla mia, io lo cullavo”

FoggiaToday è in caricamento