Cronaca

Addio a Lucio Dalla: cantò l'amore per le Tremiti, la sua seconda casa

Cantò l'amore per le Isole Tremiti con "Com'è profondo il mare". Il 4 marzo avrebbe compiuto 69 anni. Fu protagonista della lotta contro le trivellazioni petrolifere nel mare Adriatico

Lucio Dalla

E’ morto Lucio Dalla. Il cantautore bolognese è stato stroncato da un attacco cardiaco mentre si trovava in Svizzera a Montreux impegnato in tour europeo. Forte delle sue "origini" - la mamma ha lavorato come sarta Manfredonia - e affascinato dalle meraviglie del Gargano, cantò l’amore per le Isole Tremiti. E fu anche un autentico devoto di San Pio.

Nacque il 4 marzo 1943, canzone scritta e ispirata a Manfredonia, città dove trascorse alcuni momenti della sua infanzia. Domenica avrebbe compiuto 69 anni.

Quello tra Dalla e le Diomedee è stato un amore indissolubile. Tant’è che l'artista il 30 giugno del 2011, donò una grande opera in bronzo di Michele Circiello “L’Acheo guardiano delle Isole Tremiti”. Quel giorno fu anche protagonista del concerto contro le trivellazioni nel mare Adriatico.

VIDEO CLICCA QUI

Alla manifestazione tenutasi a Termoli il 7 maggio scorso - sotto le note  di "Com'è profondo il mare" – disse: "Cari amici e cari concittadini non sono qui come un cantante ma come un cittadino del mare perché questo obbrobrio e questa stupidità non minaccino la nostra sopravvivenza. Dobbiamo cominciare a pensare in maniera diversa. Guai a perdere la coscienza della nostra cultura. Quando scrissi “Com'è profondo il mare” non avrei mai pensato che 32 anni dopo mi sarei ritrovato qui di fronte una situazione del genere, tra le trivelle"“.

LE ULTIME ORE DI VITA RACCONTATE DA AMICI E STAFF

QUAL E' LA TUA CANZONE PREFERITA?

Lucio Dalla è andato via senza far rumore, custodendo - ne siamo sicuri - l’amore infinito per il Gargano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio a Lucio Dalla: cantò l'amore per le Tremiti, la sua seconda casa

FoggiaToday è in caricamento