Torna in libertà Roberto Sinesi: aveva violato i domiciliari per un matrimonio

Nonostante le prescrizioni di non allontanarsi dal comune di residenza e di non frequentare altri pregiudicati, prese parte ad un banchetto nuziale con numerosi pregiudicati e soggetti ritenuti “solidali” del suo clan

Roberto Sinesi

Roberto Sinesi, ritenuto uno dei capi del clan Sinesi-Francavilla, è tornato in libertà. Lo ha deciso il giudice che, conclusa la fase dibattimentale del processo, ha accolto la richiesta del legale dell’indagato.

L’uomo, lo ricordiamo, era ai domiciliari dal 2 settembre dello scorso anno quando violò le prescrizioni di non allontanarsi dal comune di residenza e di non frequentare altri pregiudicati. Quel giorno, però, Sinesi  prese parte ad un banchetto nuziale di un amico, in una nota sala ricevimenti in agro di Lucera: a quella cerimonia vi erano numerosi pregiudicati e soggetti ritenuti “solidali” del suo clan.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • "Irresponsabile incoraggiare la didattica in presenza". Appello di Emiliano al mondo della scuola. "La mia non è una crociata"

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

Torna su
FoggiaToday è in caricamento