Manfredonia, Riccardi: “Nell’area Inside ci sarebbero discariche Enichem”

Angelo Riccardi ha inviato un esposto alle autorità di competenza chiedendo di verificare se nell'area Inside ci sono discariche di rifiuti Enichem non rilevate. Il caso è stato evidenziato dagli operai dell'azienda

Area Inside si Manfredonia

Piove sul bagnato a Manfredonia: per l’Inside si profila un’altro grave problema, questa volta non di taglio sindacale, bensì ambientale.

Nell’area occupata dallo stabilimento, che è parte integrante degli impianti industriali Anic poi Enichem, sarebbero nascosti rifiuti derivati dalle produzioni della fabbrica chimica dismessa che non possono che essere assimilati a quelli fin qui trovati e rimossi, vale a dire tossici.

A denunciare quella che, se corrispondesse a verità, costituirebbe una scelleratezza che richiamerebbe situazioni ambientali non sopite e per tanti versi ancora sotto l’osservazione delle pubbliche autorità di riferimento, è stato il dindaco Angelo Riccardi che, a sua volta, ha appreso di quella presunta esistenza dagli operai dell’Inside, nel corso di una delle riunioni tenute presso la Prefettura di Foggia, indette per affrontare la nota vertenza sindacale riguardante l’Inside e i suoi dipendenti.

Una iniziativa dovuta anche nella funzione di pubblico ufficiale che viene a conoscenza di un potenziale probabile pericolo riguardante la tutela dell’ambiente e la sicurezza pubblica, in un contesto nel quale si sono verificate situazioni di quel genere. Nella lettera inviata alle autorità istituzionali di competenza, fra cui l’ARPA Puglia, Riccardi chiede che “vengano eseguite le opportune indagini per verificare la sussistenza o meno di sostanze inquinanti nel sottosuolo dell’area occupata da Inside”.

Secondo quanto riferito dagli operai Inside, nel corso dell’esecuzione di opere di scavo sarebbero incappati nella presenza di non meglio definiti “fusti contenenti sostanze putrescenti”. Informata la direzione dello stabilimento, la stessa ordinava la ricopertura degli scavi eseguiti senza alterare quanto rinvenuto.

“Se la cosa rispondesse al vero, e francamente non ci sarebbero motivi per dubitarne – rileva il Sindaco - sarebbe una ulteriore riprova che, in quel sito industriale, di scheletri sotto terra ce ne sono ancora tanti e ben nascosti. Ne è eclatante e clamoroso esempio la "scoperta", avvenuta qualche mese fa, di una grande discarica, la famigerata "vasca Marchesi", nascosta sotto una coltre tombale di cemento fatta passare come pista di esercitazione dei pompieri aziendali. Quando venne posto il problema, gli attuali responsabili di Syndial, la società succeduta a Enichem, hanno tentato vigorosamente di negare, ma hanno dovuto capitolare di fronte a prove incontrovertibili. La bonifica di quella discarica è al vaglio del Ministero per i provvedimenti del caso”.

Le domande che ora (in)sorgono sono tante e inquietanti: ci sono altre discariche disseminate in quell’area industriale? Perché sono state nascoste? Quali conseguenze provocano? E così via dicendo. A quanto pare la parola fine sulla vicenda post-Enichem, quella specifica del disinquinamento dell’area, è ancora lontana dall’essere posta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • 170 pazienti in terapia intensiva e 1392 in area non critica in Puglia. Nel Foggiano covid-free solo due comuni su 61

Torna su
FoggiaToday è in caricamento