La pressione dello Stato sulla criminalità foggiana: cinturati e setacciati i quartieri Candelaro, Borgo Croci e Comparto Biccari

Polizia, Guardia di Finanza e polizia locale in via San Severo, viale Candelaro, via Lucera, via Capitanata/via Capezzuto, Parco san Felice, Croci nord, Via Saggese

Foto di repertorio

Nell’ambito dell’attività di coordinamento tecnico dei servizi di contrasto a varie forme di illegalità diffusa in ambito cittadino, il 3 aprile è stato effettuato un ulteriore servizio straordinario di controllo del territorio che ha interessato i quartieri Candelaro, Borgo Croci e Comparto Biccari ed in particolare via San Severo, viale Candelaro, via Lucera, via Capitanata/via Capezzuto, Parco san Felice, Croci nord, Via Saggese.

Al servizio hanno preso parte tre equipaggi composti dagli Agenti della Polizia di Stato della Questura di  Foggia dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico di cui uno motomontato, della Polizia Amministrativa, della Squadra Mobile, della Divisione Anticrimine, due equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine, altrettanti della Guardia di Finanza, uno con unità cinofila della Guardia di Finanza e due della Polizia Locale. 

Queste le finalità del servizio: controllo del territorio mediante posti di controllo in luoghi strategici in modo da cinturare l’area dell’intervento e rilancio della legalità; controllo di arrestati e detenuti domiciliari nonché sorvegliati speciali; controllo di alcuni esercizi con maggiore concentrazione di avventori o che presentano condizioni di degrado e perquisizioni domiciliari nei confronti di elementi della criminalità comune ed organizzata.

L’azione sinergica ed articolata sul territorio ha consentito di contrastare efficacemente ogni forma di attività illecita setacciando i quartieri interessati allo scopo di assicurare serenità e sicurezza agli operatori economici ed alla cittadinanza. Nell’ambito di tali attività, personale della Polizia Amministrativa unitamente a personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno proceduto al controllo di tre esercizi pubblici senza riscontrare irregolarità. 

Nel corso del servizio, in via Fuiani, l’equipaggio motomontato ha proceduto al fermo di un ciclomotore Aprilia Scarabeo il cui conducente annovera diversi precedenti di Polizia. Un accurato controllo esteso al numero di telaio, ha consentito di accertare l’alterazione del numero che verrà sottoposto ad accertamenti tecnici non ripetibili da parte di personale specializzato della Polizia Scientifica. Il conducente, che era sprovvisto di assicurazione e di certificato di idoneità alla guida, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per falso materiale ai sensi dell’art. 482 C.P mentre il ciclomotore è stato sottoposto a sequestro penale.

Nel corso del servizio personale della Guardia di Finanza e dell’Ufficio Prevenzione Generale hanno proceduto distintamente al controllo di due cittadini stranieri risultati irregolari sul territorio nazionale e pertanto accompagnati in Questura per gli adempimenti dell’Ufficio Immigrazione; nello specifico al cittadino di origini senegalese è stato notificato il provvedimento di espulsione dal territorio nazionale mentre il cittadino nigeriano, il quale annovera diversi precedenti di Polizia, è stato trattenuto in quanto già inottemperante all’ordine di espulsione intimatogli dal Questore di Roma nel 2018 e nella giornata odierna verrà accompagnato presso un centro di permanenza temporanea in attesa di essere coattivamente rimpatriato. Nel corso del servizio sono state deferite all’Autorità Amministrativa, ex art. 75 D.P.R. 309/90, anche due persone trovate in possesso di sostanza stupefacente per uso personale.

L’attività di contrasto ad ogni forma di criminalità e la particolare pressione esercitata sulla criminalità mediante la previsione di ulteriori equipaggi in servizio di controllo del territorio, ha consentito di sventare un furto, interrompendone l’azione delittuosa posta in essere da ignoti, nel corso della notte, nei confronti di un esercizio commerciale di vendita di articoli di informatica ubicato su corso Roma grazie al tempestivo iintervento della volante e di un equipaggio del Reparto Prevenzione Crimine. In particolare gli autori dell’atto delittuoso hanno cercato di forzare la serranda dell’attività utilizzando un’autovettura rubata nella stessa nottata al proprietario che non si era ancora accorto della sottrazione dell’auto e che è stata trovata ancora con il motore acceso.   

L’attività nel suo complesso ha prodotto i risultati di seguito indicati: 98 persone controllate di cui otto stranieri, 32 con pregiudizi di polizia e 14 agli arresti domiciliari. Sono stati fermati e controllati 55 veicoli, nove le contestazioni al codice della strada, due fermi e altrettanti sequestri amministrativi, un sequestro penale, 17 contestazioni al codice della strada, tre esercizi pubblici e un circolo privato controllati, quattro persone accompagnate in uffici, tre perquisizioni domiciliari ex art. 41 Tulps, due persone deferite in stato di libertà

Potrebbe interessarti

  • Proprietà e benefici dei lupini

  • Rimedi naturali per pulire la piastra del ferro da stiro

  • Le bracerie a Foggia: i posti giusti per gli amanti della carne

  • Alla scoperta dell'incantevole Lago di Lesina, il secondo più vasto dell'Italia meridionale

I più letti della settimana

  • Cadavere carbonizzato sulla SP 66: le telecamere riprendono la vittima mentre riempie la tanica di benzina con cui si è data fuoco

  • Incidente mortale tra San Severo e Apricena, violento scontro tra auto e tir: purtroppo c'è una vittima

  • Incidente mortale, scontro tra scooter e volante della polizia: muore portapizze. I testimoni: "Botto fortissimo"

  • Il mare della Puglia è il terzo più bello d'Italia: quello di Vieste, Mattinata, Tremiti e Monte premiato con 4 vele

  • Macabro ritrovamento lungo la Provinciale 66: auto in fiamme, dentro c'è un cadavere

  • Landella bis: ecco il nuovo Consiglio comunale di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento