Fratelli senzatetto "rinviati a dopo le feste": scatta la solidarietà. I Servizi Sociali respingono le accuse: "E' falso"

Nota stampa a firma dell'assessore del Comune di Foggia, Raffaella Vacca, che interviene su Nonno Libero e sui due fratelli che ieri avevano trovato ricovero agli Ospedali Riuniti di Foggia. "Questa mattina mi sono recata sul posto ma non c'era nessuno"

"Dopo il tempestivo interessamento dell'Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Foggia, il senza fissa dimora conosciuto come nonno Libero, dallo scorso 22 dicembre è accolto a Villa Mele, residenza socio sanitaria assistenziale di Rodi Garganico". Lo riferisce una nota a firma dell'assessore alle Politiche Sociali Raffaella Vacca. “Non appena saputo delle difficoltà in cui si trovava Nonno Libero, in seguito all’operazione al femore subita dall’equipe del reparto di ortopedia degli Ospedali Riuniti, insieme alla dottoressa Annalisa De Stefano, assistente sociale del Comune di Foggia, ho da subito avviato l'iter per trovare una collocazione idonea all'anziano - spiega -. Dopo soli pochi giorni abbiamo dato una casa a Nonno Libero, che da qualche giorno prima di Natale è ospite presso una struttura socio-assistenziale dove viene seguito da personale qualificato”. 

La nota stampa interviene anche sulla vicenda dei due fratelli senzatetto che da giorni stazionavano in un corsia dei Riuniti, notiziata ieri da Foggiatoday. Questa mattina l'assessore Vacca, con le assistenti sociali del Comune di Foggia, Annalisa De Stefano e Teresa Pierro, si è recata agli Ospedali Riuniti al fine di verificare l'effettiva presenza di due senza fissa dimora, che, "secondo una inesatta ricostruzione, sarebbero state respinte dall'assessore e dai funzionari degli Uffici dei Servizi Sociali del Comune di Foggia" scrive Vacca. Che precisa: “Nulla di più falso. L'unica volta che ho incontrato una di queste due persone è stato al termine di un Consiglio comunale, a cui ho chiesto di recarsi presso gli Uffici dell'assessorato ai Servizi Sociali al fine di verificare lo stato di necessità in cui versava. Tuttavia questa mattina mi sono recata agli Ospedali Riunti senza aver trovato nessuno, né in sala d'attesa né in altri parti del nosocomio. A quel punto ho chiamato il medico che ha divulgato la notizia sui social network (Francesco Niglio, ndr), che a sua volta mi ha riferito di non volermi dire dove si trovano attualmente queste due persone. Chiarito, quindi, che né io né alcun funzionario ha respinto richieste di aiuto da parte di chicchessia, ribadiamo che gli Uffici dei Servizi Sociali del Comune di Foggia sono sempre pronti a recepire segnalazioni o ad accogliere persone che si trovano in stato di difficoltà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento