Salute

Crollo dei ricoveri in Puglia: in un mese pazienti in rianimazione diminuiti dell'82%

Con i 35 ricoverati registrati oggi, scende al 6% il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva. Scendono a 448 i ricoverati negli altri reparti Covid (12% di occupazione). Rispetto allo scorso 6 maggio, il dato complessivo dei ricoverati nel giro di un mese è sceso del 71,8%

Continuano sempre più a svuotarsi i reparti Covid in Puglia. Secondo l’ultimo bollettino diramato dal Ministero della Salute, sono 483 i pazienti attualmente ricoverati. Di questi, 448 sono i positivi presenti nei reparti di area medica, per un tasso di occupazione del 12%.

Ancora più incoraggiante è il 6% di tasso di occupazione per le terapie intensive, dove risultano attualmente 35 ricoverati in tutta la Puglia. Un dato addirittura inferiore rispetto a quello nazionale (10%). Per trovare un numero di presenze più basso bisogna tornare indietro di quasi otto mesi, allo scorso 17 ottobre, quando si registrarono 33 positivi in rianimazione. Risale, invece, al 23 ottobre l’ultimo giorno in cui si rilevò un numero inferiore di persone in area non critica.

Coronavirus in Puglia: il bollettino del 4 giugno 2021

Per comprendere meglio la portata del crollo dei ricoverati, basta fare un raffronto tra i ricoverati di oggi e quelli rilevati trenta giorni fa: il 6 maggio scorso la Puglia fece registrare ben 1512 presenze in area non critica (40% di tasso di occupazione) e 202 in terapia intensiva (34%). Ebbene, il dato complessivo dei ricoverati nel giro di un mese è sceso del 71,8%. Percentuali che salgono ulteriormente prendendo in considerazione soltanto le terapie intensive, dove i ricoverati sono calati dell’82,6%.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crollo dei ricoveri in Puglia: in un mese pazienti in rianimazione diminuiti dell'82%

FoggiaToday è in caricamento