menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prc, secco “no” al ritorno dei Cda in Amica, Ataf e Amgas”

Viene il dubbio che la mala politica abbia usato le aziende municipali per assicurarsi consenso invece che assicurare servizi indispensabili alla città

Il Prc del capoluogo dauno dice “no” a un ritorno dei consigli di amministrazione per le aziende ex municipalizzate Amica, Ataf e Amgas. Per gli esponenti del partito comunista è necessaria la presenza di un amministratore unico per allontanare lo spettro e il ritorno della mala politica che – sempre secondo quelli del Prc - si sarebbe fatta carico per anni della gestione delle aziende con risultati disastrosi.

"Viene il dubbio che la mala politica abbia usato le aziende municipali per assicurarsi consenso invece che assicurare servizi indispensabili alla città" dichiara Giorgio Cislaghi, segretario del Prc. Lo stesso avvisa sul fatto che un ritorno ai consigli di amministrazione implicherebbe l’uscita del Partito di Rifondazione Comunista dalla maggioranza in consiglio comunale.

Qualità dei servizi, l’avvio della raccolta differenziata, la realizzazione di un impianto di compostaggio, miglioramento della viabilità urbana e reinternalizzazione dei servizi appaltati e dei lavori impiegati sono alcune delle prerogative che secondo Cislaghi andrebbero approfondite e messe in atto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il "Fiasco" della campagna vaccinale, il caso Puglia nell'analisi del Financial Times: "Il 98% degli ultrasettantenni ancora senza dose"

Alimentazione

Proprietà e benefici delle fave

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento