“PIG quartiere ‘Ordona Lavello’, paradigma dei mali di Foggia”

Cislaghi: “Come è possibile che lo scempio sia sfuggito alle pattuglie normalmente presenti sul territorio visto che la discarica abusiva è ben visibile anche dalla statale per Candela?”

Quartiere Ordona-Lavello

Quartiere Ordona lavello, dove finisce la città, dove comincia il Parco dei Tratturi. Un quartiere nuovo, concepito con i Piani Integrati Gozzini il cui acronimo, PIG, rende l’idea di cosa (non) è diventato il quartiere. Non c’è un negozio, un bar o un giardino, ma soltanto materiale di risulta delle ristrutturazioni edilizie e amianto, che lo circondano, sino a invadere il sentiero asfaltato del Tratturo che prende il nome dalla zona

Dove non ci sono i rifiuti, dove doveva esserci un giardino con attrezzature sportive, dove dovevano esserci negozi e luoghi di socializzazione, ora c’è una collina innalzata di terra oggetto di scavi per le fondamenta dei palazzi. Alta tre metri, ha alterato l’orografia della zona facendo ricadere, sull’unica strada di collegamento con la città, l’acqua piovana che precipita su una superficie di vari ettari, provocandone l’allagamento.

Viene da chiedersi, come sia potuto succedere che un Piano Integrato concepito per dare una casa alle forze dell’ordine sia potuto diventare il paradigma di quel che non funziona in città. Eppure nell’accordo stipulato con la Regione Puglia (pubblicato in G.U. n° 7 del 18/01/2000, delibera di Giunta regionale 1634 del 23/11/1999) è scritto: “all’interno dell’area di intervento dovrà essere prevista la realizzazione dei servizi e delle attrezzature pubbliche, ex D.M. n. 1444/68, nelle quantità previste negli elaborati progettuali, ed in precedenza riportate. La realizzazione di tali servizi dovrà essere assicurata dal soggetto attuatore contestualmente al programma edilizio”.

Viene da chiedersi come sia stato possibile che con una delibera di Consiglio Comunale, la numero 61 del 14 novembre 2008, si stata approvata una “variante generale con variazione di destinazione d’uso di parte della cubatura di edilizia commerciale in edilizia residenziale libera”, aumentando il numero degli alloggi da costruire in edilizia libera da vincoli (passano da 150 a 353) mentre nell’accordo di programma è specificato “che la proposta di intervento in oggetto, come risulta degli stessi elaborati, comporta la realizzazione di un programma costruttivo per complessivi n. 300 alloggi di edilizia residenziale (di cui n. 100 alloggi di edilizia sovvenzionata, n. 50 alloggi di edilizia agevolata e n. 150 di edilizia libera) e di 46.400 mc di edilizia non residenziale”. Questa “variante generale” è stata autorizzata da Regione Puglia? Se sì, con quale atto visto che non ve ne è traccia nella “relazione Maffei”.

Ricordando che la ‘Legge Gozzini’ privilegiava il recupero edilizio e ambientale di zone degradate, quindi ci chiediamo com’è possibile che un piano integrato destinato ad agenti delle forze dell’ordine si sia potuto trasformare in un girone dell’inferno dantesco. Non ci sono, tra gli assegnatari degli alloggi, agenti che operano nei nuclei ambientali? E se non ci sono tra gli assegnatari, come è possibile che lo scempio sia sfuggito alle pattuglie normalmente presenti sul territorio visto che la discarica abusiva è ben visibile anche dalla statale per Candela?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Confidiamo che, dopo le proteste e le denunce del Comitato di Quartiere Ordona Lavello, si proceda alla rapida bonifica del sito e al ripristino dell’orografia originale della zona. Speriamo sia potenziato il nucleo ambientale della Polizia Municipale, cosa possibile se si passano a “full time” tutti gli agenti, come speriamo che AMIU riattivi gli “ispettori ambientali” per poter contare su un minimo di servizio di prevenzione atto a contrastare gli illeciti ambientali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento