rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Politica

Licenziamento Iafelice, Rosa Barone dice la sua: “Eccessivo, sbrigativo e pretestuoso”

Il consigliere regionale dei cinquestelle si esprime sul licenziamento del direttore generale di Amgas, Marcello Iafelice

Contro la decisione del Consiglio di Amministrazione di Amgas Spa di licenziare con voto unanime Marcello Iafelice, direttore generale dell’azienda partecipata del Comune di Foggia che svolge il servizio pubblico della “distribuzione gas naturale” nel territorio comunale, si schiera anche Rosa Barone.

Il consigliere regionale pentastellato precisa: “E’ evidente che chi sbaglia deve pagare, ma è giusto che la sanzione sia commisurata all’errore commesso. Il sospetto è che si tratti di un licenziamento eccessivo, sbrigativo e pretestuoso. Un grave atto di forza messo in atto con ogni probabilità da alcune forze politiche locali che continuano ad agire attraverso amministratori nominati, non dimostrando alcun rispetto per la storia personale e lavorativa del direttore generale Marcello Iafelice e della sua famiglia”.

Per Rosa Barone “si è in assenza di quel criterio di proporzionalità che di fatto porterebbe facilmente un giudice del lavoro ad interpretare questo licenziamento come ingiusto, aprendo quindi a scenari in conseguenza dei quali l’azienda Amgas potrebbe essere costretta ad elargire un lauto risarcimento danni a Iafelice con i soldi dei contribuenti”

L’esponente dei cinquestelle conclude: “Dal momento che il presidente è nominato direttamente dalla maggioranza, saranno il comune ed il sindaco, oggi silente, ad assumersi le responsabilità di questo provvedimento. Per quanto ci riguarda riteniamo sia giusto fare luce su una vicenda che resta per molti tratti oscura, ci auguriamo non sia stato un modo per far fuori un direttore generale, che magari alcuni potevano considerare un po’ troppo ingombrante”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Licenziamento Iafelice, Rosa Barone dice la sua: “Eccessivo, sbrigativo e pretestuoso”

FoggiaToday è in caricamento