Appalto Tributi, il PD di Apricena contro il sindaco: "Questa oscenità va fermata"

Segreteria Pd Apricena: "Sui Tributi è in atto l'ennesimo tentativo di portare al collasso economico Apricena. Aspettiamo una prova di orgoglio e responsabilità dai consiglieri di maggioranza"

Aula consiliare di Apricena

Sull'appalto per la gara dei tributi ad Apricena, il Partito Democratico chiede spiegazioni al sindaco Potenza ed esorta i consiglieri comunali di maggioranza di "tenere al bene di Apricena impedendo con coraggio il proseguire dell'iter burocratico per appaltare il servizio"

Queste le considerazione dei democratici della città della pietra e del marmo: "Appena qualche mese fa la sanguinosa (dal punto di vista economico) rescissione del contratto stipulato con la ditta Andreani Tributi è costata ai cittadini 250.000 €. Nonostante sia risaputo che quell'affidamento poco chiaro, che abbiamo prontamente contestato e denunciato proponendo un Consiglio Comunale ad hoc per evitare la sciagura (proposta rifiutata), sia sotto indagine da parte della Magistratura, l'Amministrazione Potenza si fionda nuovamente in un'avveneristica e nuova fantomatica gara sui Tributi.

L'appalto di gara, che si richiama ad una bando di 3 anni fa (lo stesso ritirato in autotutela perché ritenuto poco affidabile dall'allora commissario Aponte), prevede nuovi salatissimi esborsi del 30% oltre al pagamento di spese ed interessi. Questa amministrazione continua ad operare nel settore Tributi con molta velleità e poche idee. Ancora una volta questa gara è solo un modo per aumentare le tasse ai cittadini ma elargirle non nelle casse comunali (come prevede l'accordo con ANCI ed IFEL voluto dal dimissionario segretario Rosati) bensì nelle casse di un'azienda privata operante nel settore chiedendo in cambio 3 posti di lavoro.

Crediamo fermamente che anche questa volta vada fermata tale oscenità, e ci attiveremo in tutti modi per evitare che vi siano sprechi di soldi pubblici data la già grave situazione debitoria del Comune. Auspichiamo che i consiglieri comunali di maggioranza abbiano ancora un minimo spazio per esprimere il proprio pensiero, e memori del fallimento precedente e del pesante esborso economico a carico dei cittadini, dimostrino di non essere solo robot che alzano la mano a comando in Consiglio Comunale ma che tengono al bene di Apricena impedendo con coraggio il proseguire dell'iter burocratico per appaltare il servizio nel Consiglio Comunale straordinario che abbiamo già chiesto per discutere seriamente di fronte alla città (con la speranza che si accettino le regole della democrazia e che venga accolta la nostra legittima richiesta). Ma abbiamo forti dubbi che in questa maggioranza ci siano soggetti dalla schiena dritta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Puglia in zona gialla 'rinforzata' fino al 15 gennaio: cosa è concesso fare (e cosa no)

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Orrore nelle campagne di Cagnano, lupo trovato impiccato a un albero

  • Neve fino a quote basse e temperature in calo: oggi tempo incerto, domani sole e giovedì sera la coltre bianca

Torna su
FoggiaToday è in caricamento