Sidera Dantis di Vito Lorenzo Dioguardi

Poesie che parlano del Medioevo di oggi, delle lotte tra religioni e di persone illuminate che aiutano il dialogo, di ignoranza e di incroci di civiltà, di guerre e carestie e di grande filosofia. Come nell'Età di mezzo, anche oggi il tutto si contrappone al suo contrario. I confini non sono così stretti come sembra.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Con le stelle Dante ha sognato la bellezza. Con le stelle ha desiderato la pace. Con le stelle ha amato. Ed io con lui. Sidera Dantis è la nuova raccolta di versi di Vito Lorenzo Dioguardi. In essa la rilettura della crisi attuale come viaggio nei mondi danteschi. Politica, arte, fede e laicità si mischiano in un turbinio di rime che figgono la giustizia e la libertà, il sogno e l'unione come ragione del loro essere.

Una poesia civile dalla quale non manca la sua Foggia: Per l'abusivismo edilizio a Foggia. Quand'ero fantolino quel balcone bianco su tutta Foggia dalla emme, l'Epitaffio, Sant'Anna, il Cappellone, fino agli Appennini, lemme lemme, succedeva puntuale la crocifissione del Sole e l'apparir bluastre gemme; in quell'ora Roma era una visione e il vento un salmo da Gerusalemme.

Oggi quel luogo mitico cui lo Svevo, i consoli, la Commedia, i Canti d'amore erano il sangue d'un memento, il solito arraffar dei lestofanti profana un Nembrotto di cemento e vince, almeno ora, il Medioevo.


[1] La emme è il Municipio di Foggia, appositamente costruito a forma di M.

[2] L'Epitaffio è un monumento completato nel 1651, durante il regno di Filippo IV. All'Epitaffio, accanto alle mura del palazzo federiciano, si raccoglievano i pastori abruzzesi che scendavano a Foggia per la transumanza.

[3] Sant'Anna è parrocchia di un famoso quartiere popolare della città. Vi soggiornò per alcuni mesi Padre Pio da Pietrelcina.

[4] Il Cappellone delle Croci, monumento nazionale, è una piccola chiesa alla quale si accedeva attraversando alcune cappellette che ricordavano la Passione di Cristo.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento