Giovedì, 21 Ottobre 2021
Economia

Dall'Ucraina per studiare a Foggia: in arrivo la "carica" degli Erasmus

Tra oggi e domani l'area delle relazioni internazionali dell'Università di Foggia comincerà a ricevere i primi 40 studenti provenienti da vari atenei dell'Ucraina che hanno aderito al Progetto Ka 107

A Foggia arriva la “carica” degli studenti Erasmus. Prende consistenza il Progetto Ka 107 vinto qualche mese fa dall'Università di Foggia, che – nell'ambito delle cosiddette “call per mobilità da e verso Paesi extra Comunità Europea” – si è aggiudicata appunto un Erasmus dal budget complessivo di 630.000 euro.

Tra oggi e domani l'area e il settore delle relazioni internazionali dell'Università di Foggia cominceranno a ricevere i primi 40 studenti provenienti da vari atenei dell'Ucraina che hanno aderito al progetto, fino a completare – nelle prossime settimane – il quadro delle presenze previste: fino a un massimo di 40 unità del personale tecnico-amministrativo (o docente) e fino a un massimo di 95 studenti già iscritti all'anno accademico 2015/16.

Il Progetto Erasmus Ka 107 consente all'Università di Foggia di figurare al sesto posto assoluto su trenta progetti presentati da altrettanti atenei italiani: per intendersi, meglio di UniFg hanno fatto solo Ca' Foscari (Venezia), UniTrento, Alma Mater (Bologna), La Sapienza (Roma) e UniMessina. Un autentico exploit, se si pensa che, rapportando il finanziamento alle medie dimensioni del nostro ateneo, la classifica dell'impatto proporzionale del Progetto Erasmus vede Ca' Foscari (Venezia) in testa con 68 punti (su un massimo di 80) e quindi immediatamente a ruota UniFoggia con 67 punti.

A metà dello scorso novembre una delegazione dell'Università di Foggia si è recata in Ucraina per sottoscrivere gli accordi alla base dell'Erasmus Ka107, allacciando inoltre rapporti istituzionali e didattici con la Ivan Franko National University di Lviv (o Leopoli, città dell'Ucraina occidentale con 720.000 abitanti), incontrando gli studenti del centro di lingua e cultura italiana, quindi il prorettore prof.ssa Mariya Zubrytska. Da novembre ad oggi il perfezionamento amministrativo e didattico di quegli accordi, quindi il primo flusso degli studenti destinati alla nostra Università.

Studenti che, in Ucraina, frequentano dipartimenti didatticamente e scientificamente compatibili con quelli presenti a UniFg, ovvero Giurisprudenza, Scienze Agrarie, Economia, Studi umanistici e i due di Medicina. Tra oggi e domani, come detto, l'arrivo dei primi 40 studenti ucraini, una presenza che arricchisce città e territorio in termini di vivacità culturale e di possibili potenziali scambi con un Paese che sta puntando tutto sulla sua risorsa principale: la popolazione studentesca, che insieme a quella della Lituania vanta l'età media più giovane d'Europa (20,6 anni).

Sostiene la prof.ssa Claudia Piccoli, delegata del rettore alle Relazioni internazionali dell'Università di Foggia: "Un'esperienza che certamente ci farà crescere sia sul piano umano sia su quello culturale. Tuttavia noi non stiamo cercando solo partner accademici con cui intraprendere scambi di studenti e docenti, ma stiamo cercando partner, e quindi studenti, con cui entrare in relazione in maniera stabile, in modo da continuare i nostri rapporti anche al termine dei progetti. Noi siamo pronti a questa sfida, l'arrivo di questi cento ragazzi ucraini in città deve rappresentare, soprattutto da un punto di vista culturale, una svolta per il nuovo corso che intendiamo intraprendere. Qui si vive e si studia bene, vogliamo che a saperlo siano tutti i Paesi d'Europa”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dall'Ucraina per studiare a Foggia: in arrivo la "carica" degli Erasmus

FoggiaToday è in caricamento