Economia

Sciopero dei benzinai foggiani: dal 10 al 12 dicembre. Faib Confesercenti: “Inutile”

C'è bisogno di sensibilizzare l'opinione pubblica e non irritarla con uno sciopero sotto Natale. “Terreno di lotta all’Ipercoop è un altro”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Lo sciopero dei benzinai di Foggia riproposto dal 10 al 12 dicembre continua ad essere una scelta sbagliata e in questo momento controproducente per i gestori che regalerebbero altri clienti alla "GDO" con l'impianto realizzato nell'area della Coop "Estense".

In questo senso la Faib dà indicazioni di non chiudere. E' la replica della Federazione di categoria della Confesercenti ai reiterati tentativi di riproporre la serrata delle pompe di benzina per protestare contro la disparità dei prezzi applicati dalle compagnie petrolifere.

La Faib ritiene che lo sciopero metterebbe i benzinai contro i consumatori facendoli passare per quelli che sono contro i prezzi più bassi, inoltre brucerebbe gli spazi di manovra verso le istituzioni locali che hanno l'obbligo di attivare azioni di "moral suasion" verso le compagnie. L'obiettivo è far crescere nell'opinione pubblica la convinzione che risparmiare sulla benzina si può e che tutti i consumatori ne debbono fruire e non solo quelli dell'Ipercoop.

Per fare questo c'è bisogno di sensibilizzare l'opinione pubblica e non irritarla con uno sciopero sotto Natale. «Bisogna inoltre denunciare – conclude la Faib Confesercenti bisogna denunciare - che si sta giocando con il lavoro dei gestori perché risaputo che non si può dichiarare sciopero per più di tre giorni e con un preavviso di almeno 10 giorni.

E allora perché l'hanno fatto? In realtà non si vuole risolvere i problemi ma solo fare demagogia». Questo perché si è convinti che i problemi si affrontano in modo serio: verificando i titoli abilitativi urbanistici, codice della strada, sicurezza...) dell'Ipercoop, chiamando alle loro responsabilità gli enti locali e verificando con le compagnie le risposte da fornire.

Questo è il terreno di lotta e di contrasto alla "GDO" e all'Ipercoop a cui chiamiamo la categoria. «Respingiamo scelte demagogiche e controproducenti, di contro i gestori Faib sono pronti alla mobilitazione e alle iniziative di sensibilizzazione dell'opinione pubblica e delle istituzioni locali».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero dei benzinai foggiani: dal 10 al 12 dicembre. Faib Confesercenti: “Inutile”

FoggiaToday è in caricamento