Stop a pratiche commerciali sleali e pericolo agromafie: il Parlamento Europeo approva le norme di contrasto

Lo annuncia l'onorevole Elena Gentile: "Fine allo strapotere delle centrali di acquisto che hanno messo sotto scacco gli agricoltori. Le pratiche sleali espongono le aziende in difficoltà al rischio di infiltrazione delle Agromafie nel tessuto agroalimentare fortemente esposto alle turbolenze del mercato"

Immagine di repertorio

Buone nuove dal Parlamento Europeo: approvate le norme di contrasto alle pratiche commerciali sleali in agricoltura. “Un traguardo importante raggiunto: sostenere l’intera filiera agroalimentare nella sua catena di valore, dalle aziende agricole ai consumatori, recuperando il tema del lavoro di qualità come centrale per una filiera che produce crescita ed occupazione”, spiega l’onorevole Elena Gentile.

“Dalla contrattazione dei prezzi dei prodotti alla produzione, al ritardo del saldo dei pagamenti per i prodotti deperibili, o peggio ancora, alla cancellazione degli acquisti dei prodotti senza preavviso alla non formalizzazione dei contratti di vendita; queste solo alcune delle pratiche sleali che verranno sanzionate a tutela dell’intero sistema agricolo a prescindere dalle dimensioni aziendali e del numero degli occupati e della extra territorialità UE del soggetto acquirente”.

“Il sistema di controllo sull’intero territorio europeo, la garanzia dell’anonimato, i maggiori poteri concessi agli stati membri sia sul versante investigativo che su quello sanzionatorio valorizzeranno maggiormente i risultati auspicati. Dunque - continua l’onorevole Gentile - il Parlamento ha messo fine allo strapotere esercitato negli anni dalle centrali di acquisto che hanno messo sotto scacco gli agricoltori, amputato il reddito delle loro aziende alle prese con le crisi di mercato e con i danni causati dalle variazioni climatiche”.

“Le pratiche sleali espongono le aziende in difficoltà al rischio di infiltrazione delle Agromafie nel tessuto agroalimentare fortemente esposto alle turbolenze del mercato. Ma il costo altrettanto rilevante ricade - conclude Gentile - sulla qualità e sulla sicurezza alimentare nonché sulla qualità e la corretta retribuzione del lavoro nei campi e nelle aziende di trasformazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona gialla in Puglia ipotesi "elevata". Verso il ritorno dell'autosegnalazione: "Magari con la prenotazione del tampone"

  • La nuova ordinanza di Emiliano sulle scuole in Puglia: "Quella che sto per emanare rinnova le disposizioni in vigore"

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento