Economia

Il mito di Dafne sulla parete di Agraria, scoperta l'opera di street art dell'architetto e illustrastrice Viola Gesmundo. "E' seme di bellezza"

Autrice dell’opera è Viola Gesmundo, architetta e illustratrice di origine foggiana che ha saputo portare su parete l’idea pittorica adattandola alle esigenze della realtà aumentata. Il progetto, curato dall’ing. Ciro Fiore dell’Unifg e finanziato dalla Regione Puglia attraverso i fondi europei dedicati al Programma Operativo Regionale 2014-2020, è volto a valorizzare e riqualificare una sede storica dell’Ateneo

Questa mattina presso la facoltà di Agraria di via Napoli è stato presentato 'Elogio alla terra di Capitanata', l’opera pittorica e di realtà aumentata che decora una parete del Dafne – Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti, Risorse Naturali e Ingegneria dell’Università di Foggia. Autrice dell’opera è Viola Gesmundo, architetta e illustratrice di origine foggiana che ha saputo portare su parete l’idea pittorica adattandola alle esigenze della realtà aumentata. Il progetto, curato dall’ing. Ciro Fiore dell’Unifg e finanziato dalla Regione Puglia attraverso i fondi europei dedicati al Programma Operativo Regionale 2014-2020, è volto a valorizzare e riqualificare una sede storica dell’Ateneo.

L’opera è stata presentata proprio dall’artista alla presenza del rettore dell’Università di Foggia prof. Pierpaolo Limone, del vicepresidente della Regione Puglia Raffaele Piemontese, dell'assessore regionale all'Istruzione, Formazione e Lavoro Sebastiano Leo, della Direttrice del Dipartimento Politiche del Lavoro, Istruzione e Formazione della Regione Puglia Silvia Pellegrini e della direttrice del Dafne prof.ssa Milena Sinigaglia. 

Protagonista del murale è, appunto, il mito di Dafne, con diretto riferimento al nuovo nome assunto dal Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti, Risorse Naturali e Ingegneria dell’Unifg, ma la sua particolarità è nell’interattività dell’opera. Basterà infatti inquadrare il muro con un’app specifica per vedere l’opera trasformarsi: Dafne, come da mito, si trasformerà in pianta ma anche in forme, elementi e colori direttamente collegati alla terra di Capitanata. Un richiamo mitico e, contemporaneamente, un elogio alla terra che regala innumerevoli spettacoli naturali, studiati proprio nel dipartimento che ospita l’opera pittorica. 

“Siamo felici di poter dar vita a progetti che valorizzano i nostri spazi” – ha dichiarato il rettore Unifg prof. Pierpaolo Limone – “dando contestualmente spazio ad artisti di livello che proprio da questa terra provengono. Unire l’arte alla formazione in modo così unico ed innovativo ci permettere di essere orgogliosi anche dei nostri spazi, oltre che delle occasioni di conoscenza e crescita che ogni giorno forniamo ai nostri studenti e alla città intera, dando lustro anche alla bellissima terra in cui viviamo.”

L’opera di street art è stata, tra l’altro, realizzata da Viola con attenzione particolare anche alla sostenibilità dell’opera. Smalti ad acqua e materiali non inquinanti sono stati infatti utilizzati durante tutte le fasi di realizzazione del murale, che si presenterà quindi alla città come un vero valore aggiunto per il Dipartimento e per l’intera Unifg.

"Si combinano arte, cultura e tecnologia in uno spazio pubblico urbano in cui si sviluppa un’aggregazione decisiva per il futuro di questa città. Un seme di bellezza di cui Foggia ha più che mai bisogno" il commento di Piemontese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mito di Dafne sulla parete di Agraria, scoperta l'opera di street art dell'architetto e illustrastrice Viola Gesmundo. "E' seme di bellezza"

FoggiaToday è in caricamento