Interdittive antimafia, Confartigianato preoccupata: "Un’azione amministrativa non può bollare come 'inaffidabile' un’intera storia imprenditoriale"

La nota stampa dell'associazione di categoria che condanna condizionamenti illeciti: "Sia fatta piena luce sulla vicenda. Trisciuoglio e Insalata sono imprenditori che hanno contribuito alla crescita economica della nostra terra"

Immagine di repertorio

Sul 'terremoto' scaturito dalle ultime due interdittive antimafia emesse dal Prefetto di Foggia, che hanno colpito rispettivamente le società Adriatica servizi e CTM, interviene la Confartigianato Foggia, essendo entrambe partecipate dagli associati Marco Insalata e Gianni Trisciuglio.

"Si auspica venga presto fatta piena luce su questa vicenda", spiega in una nota la Confartigianato. "Siamo certi che al termine dell’iter giudiziario verrà restituita ai nostri associati, e alle loro società, quell’integrità che hanno sempre mostrato nei momenti associativi che li hanno visti coinvolti e testimoniata dalla lunga e specchiata attività imprenditoriale".

Il duo Trisciuoglio-Insalata nella bufera, tributi e servizi cimiteriali in odor di mafia. Legale: "Attività pulite, impugniamo l'atto" 

"Sono imprenditori che hanno contribuito alla crescita economica della nostra terra con tenacia, inventiva e investimenti propri; hanno avuto la lungimiranza e il coraggio di diversificare in un momento di congiuntura particolarmente complesso e del cui operato nessuna pubblica amministrazione ha avuto modo di dubitare. Come si è più volte rimarcato, la Confartigianato è convintamente in prima linea - e sempre pronta ad offrire la propria collaborazione istituzionale - affinché le imprese che operano in Capitanata non debbano subire condizionamenti illeciti o soffrire la concorrenza di capitali grigi".

"Ringraziamo sua Eccellenza il Prefetto e la Prefettura tutta per l’attività che stanno svolgendo in contrasto a questi fenomeni, tuttavia non vorremmo che un’azione amministrativa quale l’interdittiva, che nulla ha a che vedere con condotte penalmente rilevanti, sia sufficiente - specie sul piano mediatico - a bollare come “inaffidabile” un’intera storia imprenditoriale. Per tali ragioni, attendiamo fiduciosi gli esiti della vicenda giudiziaria senza dimenticare la storia trasparente di chi vi è coinvolto come persona, prima che come imprenditore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento