Famiglie foggiane distratte: 2500 borse di studio non sono state ritirate

Più di un terzo dei beneficiari rischiano di perdere il contributo regionale. I termini di proroga scadono il 31 marzo

Ammonta a circa 100 mila euro il valore delle borse di studio dell’anno scolastico 2010/2011 che inspiegabilmente non sono state ancora riscosse dalle famiglie che ne hanno fatto richiesta. Da Palazzo di Città il Servizio Istruzione lancia l’allarme per l’alto rischio che i beneficiari corrono di perdere i contributi regionali, i cui termini di proroga scadono il 31 marzo prossimo.

Infatti quasi 2.500 assegni non sono stati ritirati presso gli istituti di credito abilitati al pagamento, vale a dire un terzo degli aventi diritto. “Corriamo il serio rischio di veder scadere i termini per la riscossione” spiegano dal Comune

“Il primo termine del 31 dicembre, che dava la possibilità di ritirare gli assegni in banca, non ha determinato l’esaurimento delle pratiche. Abbiamo provveduto a inviare avvisi anche alle scuole, ma al momento non abbiamo avuto riscontri tangibili. Invitiamo le famiglie a venire a ritirare gli assegni direttamente presso i nostri uffici in via Gramsci 17, sollecitandoli per scongiurare il pericolo della scadenza dei termini”.

Gli uffici del Servizio Istruzione sono ubicati al terzo piano di via Gramsci 17 e sono aperti al pubblico dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle ore 12.30, e il martedì e il giovedì, dalle ore 16.30 alle ore 18.00.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • 170 pazienti in terapia intensiva e 1392 in area non critica in Puglia. Nel Foggiano covid-free solo due comuni su 61

Torna su
FoggiaToday è in caricamento