Economia

Momento delicato per l'Asi, ma imprenditori fiduciosi (al contrario di Landella): "Noi parte attiva della fase di rilancio"

Dopo l'incontro di ieri a Bari, il presidente della Camera di Commercio Damiano Gelsomino si dice fiducioso del futuro del Consorzio e plaude al commissario Agostino De Paolis

Foto di repertorio

Il presidente della Camera di Commercio Damiano Gelsomino è di tutt'altro avviso rispetto alle preoccupazioni manifestate ieri dal sindaco Landella a poche ore dall'incontro sulla situazione dell'ASI commissariato, il Consorzio che secondo il sindaco di Foggia rischierebbe di sciogliersi. Nella riunione svoltasi ieri mattina presso la presidenza della Regione Puglia, che ha fatto il punto tecnico-politico sul Consorzio - Gelsomino vede invece il segnale di una ripresa e della consapevolezza che il rilancio dell'ente sia indispensabile per lo sviluppo dell'intera Capitanata.

L’incontro, su iniziativa del sindaco Landella, era stato sollecitato con una lettera a firma dai soci dell’ASI con l’obiettivo di conoscere nel dettaglio la situazione ed essere resi partecipi delle future scelte strategiche, in un momento molto delicato per la vita del Consorzio.

“Per il mondo delle imprese quello di ieri può essere considerato un incontro soddisfacente tanto nel metodo che nel merito. Ora ci attendiamo che gli impegni assunti trovino attuazione a breve, restituendo al territorio un Consorzio ASI in grado di svolgere quel ruolo di catalizzatore di investimenti per il non più rinviabile rilancio economico della Capitanata.

Come imprenditori abbiamo apprezzato il pragmatismo con cui il Commissario De Paolis sta affrontando i problemi sul tappeto, a cominciare dalle annose vicende legate all’impianto di depurazione e alla videosorveglianza. Così come abbiamo registrato con soddisfazione la partecipazione alla riunione del presidente Emiliano e dell’Assessore Piemontese. 

Siamo fiduciosi sull’esito, avendo avuto da tutti rassicurazioni sulla volontà di risolvere in tempi brevi le criticità presenti per restituire all’Assemblea dei soci, con i rappresentanti del territorio, la governance dell’ASI.

Per il mondo delle imprese il suo rilancio è uno dei tasselli fondamentali di una strategia in grado di attrarre nuovi investimenti. Noi vogliamo essere coinvolti per fare la nostra parte ed essere parte attiva di questa fase di rilancio, coinvolgendo in questo tutto il mondo dell’associazionismo d’impresa di cui la CCIAA è sintesi”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Momento delicato per l'Asi, ma imprenditori fiduciosi (al contrario di Landella): "Noi parte attiva della fase di rilancio"

FoggiaToday è in caricamento