Cronaca Centro - Cattedrale / Via Pietà

Sfratto vico della Pietà: le proposte ci sono, ma famiglie rifiutano

Quattro delle 15 famiglie oggetto dello sfratto esecutivo di ieri, hanno accettato due delle tre proposte avanzate dall’amministrazione comunale

Interessate dal provvedimento di sfratto esecutivo da parte delle società proprietaria dell’immobile di Vico della Pietà, i nuclei familiari questa mattina sono tornati a protestare e a chiedere chiarimenti al sindaco Landella. Dal canto suo, però, il primo cittadino sottolinea che “L’amministrazione comunale sta seguendo da tempo e con attenzione la situazione delle 15 famiglie alloggiate, la cui condizione è stata esaminata in modo meticoloso, elaborando anche proposte operative utili a “tamponare” l’emergenza che i nuclei familiari stanno vivendo in queste ore”; ma precisa che “purtroppo, tutte le soluzioni prospettate sono state rifiutate per iscritto, determinando così oggi l’impossibilità da parte del Comune di fornire risposte nei termini e nei modi richiesti”:

Spiega il primo cittadino: “Come si ricorderà, solo pochi mesi fa l’Amministrazione comunale aveva condotto una lunga e faticosa trattativa con la società proprietaria dell’immobile, riuscendo a posticipare l’esecutività dello sfratto annunciato in ragione della morosità del Comune di Foggia. Un risultato al quale ci eravamo impegnati a far seguire un’attività finalizzata ad individuare soluzioni alternative per le famiglie. Un impegno che abbiamo mantenuto, ma che, purtroppo, non ha dato l’esito sperato”

Queste le soluzioni prospettate alle famiglie che fino a ieri vivevano in via della Pietà: “La prima riguardava il trasferimento in appartamenti siti in via Bari; la seconda il trasferimento in alloggi collocati poco più avanti del centro commerciale Ipercoop, mentre la terza il riconoscimento del sostegno economico al canone locativo – così come espressamente previsto dalla delibera approvata nei mesi scorsi dalla Giunta comunale – che avrebbe lasciato le famiglie libere di individuare in maniera autonoma la collocazione”

Soltanto quattro delle 15 famiglie (una delle quali con un figlio portatore di handicap) hanno accettato le proposte avanzate dall’Amministrazione comunale: due accogliendo la soluzione “locativa”, due l’ipotesi del sostegno economico al canone locativo. Tutte le altre, invece, hanno rifiutato per iscritto. “Uno sforzo importante che soprattutto in questa fase pensiamo abbia un valore rilevante, in particolare perché accompagnato dal lavoro che stiamo conducendo su altri strumenti: dalla manifestazione d’interesse per la risoluzione dell’emergenza abitativa sino all’operatività del progetto dell’housing sociale, la cui firma dei relativi Accordi di Programma abbiamo nuovamente sollecitato alla Regione Puglia proprio qualche giorno fa” specifica Landella.

Pur comprendendo le ragioni delle famiglie, il sindaco di Foggia ribadisce che non è possibile ripercorrere le strade che le famiglie, accompagnate dal loro legale, hanno prospettato nell’incontro con una delegazione assessorile: “Il Comune di Foggia, vale la pena specificarlo, non può requisire alcun immobile per poi assegnarlo a questi nuclei familiari. Ribadisco, ancora una volta, che ogni azione non può che svilupparsi nel solco della legalità e del rispetto delle regole, senza alcuna strizzatina d’occhio a tecniche e logiche di tipo assistenzialista”.

Il primo cittadino invita quindi le famiglie a riconsiderare “a riconsiderare le proposte che l’amministrazione comunale ha avanzato in questi mesi, “perché – conclude -  è l’unica via che possiamo seguire per dare un riscontro concreto e rapido alle istanze che legittimamente i nuclei familiari pongono all’attenzione del Comune di Foggia”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfratto vico della Pietà: le proposte ci sono, ma famiglie rifiutano

FoggiaToday è in caricamento