Esordio della Dia a Foggia, operazione all'alba: sequestrati beni per 2 milioni di euro

La DIA di Foggia, unitamente al Comando Provinciale dei Carabinieri, hanno sequestrato beni mobili e immobili, compresi compendi societari,a carico di Maurizio Di Palma, 49enne pregiudicato foggiano, residente a Orta Nova. L'uomo risulta attivo anche nella gestione illecita di rifiuti

L'operazione

Maxi-sequestro di beni, per oltre 2 milioni di euro, ad un pregiudicato foggiano, attivo anche nella gestione illecita di rifiuti. La DIA di Foggia, unitamente al Comando Provinciale dei Carabinieri, hanno sequestrato beni mobili e immobili, compresi compendi societari, a lui intestati o riconducibili - anche per il tramite di prestanome - per un valore complessivo di oltre 2 milioni di euro, a Maurizio Di Palma, 49enne pregiudicato foggiano, residente a Orta Nova.

L’operazione trae origine da un’attività investigativa condotta dal I Reparto Investigazioni Preventive della DIA, finalizzata alla localizzazione di illeciti capitali, seguita da indagini patrimoniali svolte dalla DIA e dai Carabinieri sul territorio, che hanno consentito di disvelare una rete di 14 prestanome, residenti nei comuni di Orta Nova, Carapelle e Bologna, che si erano prestati a fittizie intestazioni delle società e dei beni immobili, in realtà nella piena e diretta disponibilità del Di Palma.

Le immagini video del blitz

Il provvedimento di sequestro è stato emesso dalla III Sezione del Tribunale di Bari, Presidente dott.ssa Giulia Romanazzi, su proposta a firma congiunta del Direttore della DIA e del Procuratore della Repubblica di Foggia, ed ha interessato 5 imprese operanti nel settore del trasporto merci, 98 mezzi (tra autoveicoli e mezzi pesanti), 1 garage, 1 complesso immobiliare composto da appezzamenti di terreni e fabbricati e numerosi rapporti finanziari.

La decennale storia criminale di Di Palma è andata, nel tempo, evolvendosi verso fatti sempre più gravi, risultando coinvolto in reati di forte impatto sociale quali la gestione illecita di rifiuti, le truffe, le dichiarazioni fiscali infedeli e i reati di natura economica, fino ad arrivare alla partecipazione a sodalizi criminali; delitti che lo hanno portato a scontare periodi di detenzione o anche a subire condanne definitive, fermo restando i procedimenti tuttora pendenti.

Le investigazioni compiute hanno documentato l’evidente sproporzione tra la situazione reddituale del Di Palma - che non avrebbe consentito neanche il sostentamento minimo dello stesso nucleo familiare - e gli investimenti da lui effettuati negli anni, con i quali è riuscito ad accumulare il suo ingente patrimonio. L’esecuzione del provvedimento ha impegnato personale della DIA e del Nucleo Investigativo Carabinieri di Foggia, con il supporto operativo di Carabinieri Cacciatori, Forestale e dell’Arma Territoriale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento