Scoperta santabarbara in una masseria: trovati fucili e 200 kg di esplosivo

E' quanto scoperto dagli agenti del commissariato di Manfredonia, che hanno intensificato i controlli del territorio in vista del Carnevale. Sequestrati anche due fucili con oltre 200 munizioni

Tutto il materiale sequestrato

Esplosivi e armi complete di munizionamento. C’era un po’ di tutto nella masseria in località Fontanarosa, in agro di Manfredonia. All’interno del podere, gli agenti di polizia del commissariato sipontino hanno scoperto una vera e propria “santabarbara”, con armi ed esplosivi ad alto potenziale.

Per il fatto, gli agenti della squadra di polizia giudiziaria insieme ai colleghi del reparto prevenzione crimine di Bari, hanno denunciato in stato di libertà tre sipontini responsabili di reati inerenti la detenzione di armi ed esplosivo. Il primo è il proprietario del podere, gli altri due sono soggetti che, a vario titolo, vi avevano libero accesso. L’attività rientra nell’ambito dell’intensificazione dei controllo del territorio in vista dei festeggiamenti e delle manifestazioni previste per il “Carnevale Dauno”, con la famosa Parata delle Meraviglie di Manfredonia.

A seguito di una attenta attività investigativa, la polizia ha acclarato che la masseria era stata trasformata in una officina adibita alla lavorazione di materiale esplosivo di elevata pericolosità e che al suo interno fossero custoditi anche fucili e numeroso munizionamento. Immediato quindi il blitz: all’interno del podere, gli agenti hanno rinvenuto, nella camera da letto, una carabina automatica calibro 22 completa di caricatore innestato rifornito con cinque cartucce (quindi pronta all’uso), ed un calcio di fucile calibro 12; sono state anche trovate oltre duecento munizioni, una cinquantina calibro 22, il resto calibro 12.

Nell’abitazione, in uso ad un pregiudicato, sono stati trovati pericolosissimi ordigni pirotecnici artigianali e, sempre all’interno della masseria, un’officina ben attrezzata dove però non sono state rilevate tracce riconducibili alla manifattura dei grossi petardi. La perquisizione è stata estesa anche alla residenza dell’uomo, a Manfredonia città.

Qui i poliziotti hanno scoperto una vera e propria “santabarbara”: nella camera da letto e nello sgabuzzino vi era materiale esplosivo per circa duecento chilogrammi, in maggioranza composto da micidiali fuochi pirotecnici artigianali. Tutto il materiale rinvenuto è stato sequestrato e verrà sottoposto agli accertamenti del caso. Al fine della messa in sicurezza del materiale esplodente sequestrato, è stato necessario l’intervento del Nucleo Artificieri di Bari che sta provvedendo alla catalogazione dei manufatti pirotecnici.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

  • In fuga su una Ferrari rubata lungo la Statale 16: polizia insegue la 'rossa' da 140mila euro, ladro scende e scappa

Torna su
FoggiaToday è in caricamento