rotate-mobile
Cronaca

Puglia, attivato il piano sanitario per lo sbarco di 261 profughi della nave Ong 'Humanity 1'

L’attracco della nave Ong “Humanity 1” è previsto al Porto di Bari domani mattina, domenica 11 dicembre. A bordo sono ospitate 261 persone, di cui 93 minori, 140 uomini e 28 donne

Regione Puglia e Asl Bari sono pronte con un piano sanitario e di protezione civile per gestire l’arrivo dei 261 profughi della nave Ong 'Humanity 1'. Stamane, in Prefettura a Bari, si è tenuto l’incontro per mettere a punto i dettagli dell’accoglienza, in particolare per quanto riguarda le necessità di tipo assistenziale e sanitario, al quale ha partecipato il dirigente della Protezione civile della Regione Puglia, dottor Nicola Lopane, la Asl di Bari con il direttore sanitario dottor Danny Sivo, il dipartimento di Prevenzione ed il coordinamento 118. Alla riunione operativa ha partecipato anche la dirigente della Centrale 118 del Policlinico.

L’attracco della nave Ong “Humanity 1” è previsto al Porto di Bari domani mattina, domenica 11 dicembre. A bordo sono ospitate 261 persone, di cui 93 minori, 140 uomini e 28 donne, per la cui accoglienza la Asl Bari ha già attivato un canale di contatto, attraverso la Croce Rossa, con il personale sanitario imbarcato in modo da coordinare eventuali necessità di ricovero o esami specialistici.

Il piano sanitario della Asl Bari prevede tre diversi livelli. Il primo, più generale, riguarda la messa in allerta dei presidi ospedalieri affinché siano pronti ad accogliere i soggetti fragili o che dovessero necessitare di ricovero; il secondo prevede più specificamente l’intervento di due ambulanze del Servizio Emergenza Territoriale 118, di cui una medicalizzata per il controllo a terra, mirato all'accertamento di altre patologie o di eventuali ferite e lesioni oppure di altre situazioni che rendano necessarie cure mediche anche di primo soccorso.

Il terzo livello comporta l’allerta del dipartimento di Prevenzione che, in collaborazione con gli uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera (Usmaf) e Cri, provvederà ad effettuare i tamponi antigenici rapidi (con Poct) per l’identificazione precoce di casi positivi Covid-19.

Analogamente, il Policlinico di Bari ha predisposto l’intervento, oltre alla centrale operativa del 118, di personale medico dedicato ad eventuali emergenze pediatriche.

La Protezione Civile, infine, garantirà supporto tecnico e logistico fornendo dispositivi di protezione individuale, guanti, tute e maschere oltre che acqua e beni di prima necessità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Puglia, attivato il piano sanitario per lo sbarco di 261 profughi della nave Ong 'Humanity 1'

FoggiaToday è in caricamento