San Severo, uccisione Bonsanto: moglie accusata di omicidio

Maria Antonietta Nesta avrebbe confessato l'uccisione del marito. Su di lei effettuato un esame stub per capire se sia stata lei a sparare. L'omicidio si sarebbe consumato dopo l'ennesimo litigio

Uno dei colpi sparati

Un decreto di fermo é stato emesso dal pm della Procura di Foggia Ludovico Vaccaro nei confronti di Maria Antonietta Nesta, 42 anni, moglie di Michele Bonsanto, l'agricoltore di 44 anni ucciso nel pomeriggio a San Severo in via Palestrina con due colpi di pistola.

La donna è accusata di omicidio volontario e porto abusivo di arma da fuoco. Le prove testimoniali, quelle di altro genere e le dichiarazioni rese spontaneamente dalla donna hanno convinto il magistrato che coordina le indagini, ad emettere il provvedimento restrittivo.

Secondo quanto hanno accertato gli investigatori, contro l'uomo sono stati sparati quattro colpi di pistola calibro 38, due dei quali lo hanno raggiunto alla testa e all'inguine, uccidendolo. Un terzo proiettile si è conficcato nella carrozzeria dell'auto di Bonsanto, una Fiat Panda parcheggiata sotto casa dell'agricoltore a qualche metro di distanza da dove l'uomo è stato ucciso. Quando sono andati a cercarla, dopo le prime indagini, i poliziotti hanno trovato la donna seduta su una sedia, nella piccola casa a pianterreno; accanto a sé aveva la pistola, l'arma da cui - secondo gli investigatori - avrebbe fatto partire i colpi che hanno ucciso il marito. La donna è stata ascoltata per alcune ore dagli agenti della squadra mobile di Foggia e dal pm inquirente Ludovico Vaccaro, che, a conclusione dell'interrogatorio, ha emesso il decreto di fermo.

Antonietta Nesta avrebbe ucciso il marito dopo un ennesimo litigio, uno dei tanti che avvenivano di frequente, anche se da qualche tempo - cinque o sei mesi - vivevano separati. La donna, 42 anni e madre di tre figli avrebbe ammesso di aver ucciso il marito.

Alla donna è stato fatto anche un esame stub, per accertare se sia stata proprio lei a sparare. L'arma, una calibro 38 che pare abbia il numero di matricola cancellato, la donna ha detto di averla trovata in un cassetto dell'appartamento dove viveva Bonsanto. Stando ad una sommaria ricostruzione dell'accaduto fatta dagli investigatori, i due oggi si sarebbero incontrati in casa dell'uomo per alcuni chiarimenti forse proprio per discutere della fine del loro matrimonio. Poi la discussione sarebbe degenerata in un violento litigio. L'uomo, minacciato con la pistola, ha tentato di fuggire ma è stato raggiunto dai proiettili appena fuori di casa.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento