Monti Dauni fuori dal mondo, borghi isolati e senza internet: "Così li ammazziamo definitivamente"

Sui Monti Dauni la connessione internet è scarsa. Michele Dedda: "L’infrastrutturazione in fibra ottica è decisiva per il rilancio dei nostri comuni”.

Foto Michele Angelo Ciavarella

Telefoni cellulari impossibilitati a effettuare o ricevere chiamate per assenza di segnale, messaggistica inaccessibile e connessione internet pari a zero. Una situazione quasi paradossale nel 2019, ma che accomuna moltissime realtà montane: lo sa bene l'Uncem, che ha prolungato sino al prossimo 30 settembre la possibilità per tutti i cittadini e tutti gli enti locali di inviare le proprie segnalazioni relative alle aree del Paese in cui, ad oggi, è presente tale disservizio. 

Per farlo, è sufficiente indirizzare una mail a uncem.nazionale@uncem.net, indicando borgate, toponimi di luoghi, frazioni, strade, coordinate geografiche. I disagi non risparmiano nemmeno l’area dei Monti Dauni dove la connessione internet è scarsa e dove la fibra resta un sogno. 

Da Celenza Valfortore a Rocchetta Sant'Antonio ci sono molte zone d’ombra, e dove il segnale arriva è debole. La situazione peggiora nelle zone rurali e sulle strade che collegano i 29 comuni dei Monti Dauni. Il GAL Meridaunia e il Coordinamento Area Interna Monti Dauni chiederanno di investire attraverso i fondi europei per potenziare i ripetitori della telefonia mobile e di completare al più presto possibile l’installazione della banda ultra larga. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“E’ più importante avere una linea internet veloce nei piccoli comuni che nelle città – afferma Alberto Casoria, presidente del GAL Meridaunia. Già i nostri borghi vivono nell’isolamento, se poi li lasciamo senza internet significa ammazzarli definitivamente”.  “L’assenza della rete  è una grande emergenza per i territori rurali e montani dell’appennino dauno – ha sottolineato il coordinatore della SNAI, Michele Dedda - e per questo motivo l’infrastrutturazione in fibra ottica è decisiva per il rilancio dei nostri comuni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento