"Ti piego". Così figlio violento estorceva denaro alla madre malata oncologica: "Dammi i soldi o hai finito di vivere!"

L’indagato è gravemente indiziato dei reati di maltrattamenti in famiglia e del reato di estorsione nei confronti della propria madre: per lui scatta un anno di libertà vigilata

Immagine di repertorio

"Se non mi dai i soldi hai finito di vivere: come ho piegato il mestolo, così piego anche te". Con questa ed altre minacce, ogni giorno, un 39enne foggiano terrorizzava l'anziana madre con l'obiettivo di estorcerle denaro.

Un vero e proprio incubo vissuto dalla donna e terminato nella giornata di ieri, quadno gli agenti della squadra mobile di Foggia, coordinati dalla procura di Foggia, hanno eseguito a carico dell'uomo la misura di sicurezza personale della libertà vigilata, per un anno, così come disposto dal gip del Tribunale di Foggia. 

L’indagato è gravemente indiziato dei reati di maltrattamenti in famiglia e del reato di estorsione nei confronti della propria madre. In particolare, l’attività di indagine ha messo in luce un quadro chiaro ed omogeneo nel quale la donna ha decritto, con dovizia di particolari, la quotidianità della sua vita trascorsa con un figlio "violento, aggressivo e dispotico", che ha alimentato in lei un continuo stato di pressione psicologico e di prostrazione morale, in ragione del suo precario stato di salute dovuto alle continue e gravose cure oncologiche alle quali periodicamente si sottopone.

La madre denunciava che il figlio era solito proferire al suo indirizzo intimidazioni e minacce ed in particolare nello scorso mese di settembre al fine di ottenere dalla stessa somme di denaro, con violenza la strattonava nella propria abitazione, aggredendola con pugni e schiaffi ed in particolare la minacciava dicendole:” se non mi consegni i soldi, non uscirai più da casa, se non mi dai i soldi stasera hai finito di vivere, come ho piegato il mestolo, così ti piego se non mi dai i soldi”.

La p.o. è stata costretta a consegnare al figlio diverse somme di denaro di importi variabili dai 2,00/3,00 euro e i 50,00 euro al giorno, fino ad arrivare a somme mensili di 250,00 euro.

All’indagato è stato imposto nell’ordinanza emessa dal GIP, di seguire scrupolosamente il programma terapeutico impartito dai Sanitari che lo hanno in cura per la sua situazione psichica e di dipendenza dalle sostanze stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Testimonianza choc, la compagna del 38enne ucciso: "E' stato il bambino". Giornalista costretto a cancellare immagini

Torna su
FoggiaToday è in caricamento