A Vieste guerra tra clan: è in gioco la supremazia nel controllo delle attività criminali

E’ quanto emerge dalla delibera consiliare della sesta commissione del CSM, la cui risoluzione analizza compiutamente i fenomeni criminali che caratterizzano la provincia di Foggia

Oltre ad analizzare la situazione di Foggia, la risoluzione contenuta nella delibera consiliare della sesta commissione del CSM del 18 ottobre scorso, analizza compiutamente i fenomeni criminali che caratterizzano la provincia di Foggia, sia con riferimento alle tipologie delittuose “tipiche” delle diverse aree, sia con riguardo alle numerose associazioni delittuose che vi operano. Quindi l’area del Gargano e principalmente di Vieste.

La criminalità a Cerignola

La situazione a San Severo

La criminalità a Vieste sul Gargano

Sul Gargano la criminalità opera innanzitutto nei tradizionali settori del traffico degli stupefacenti, delle estorsioni, dell’usura, dei furti di auto e delle rapine, in particolari con assalti a furgoni portavalori e agli sportelli bancomat. Con particolare riferimento ai reati di ricettazione è stato accertato che, di recente, i gruppi criminali stanno sviluppando sofisticate tecnologie per “ripulire” le banconote contrassegnate con elementi di sicurezza.

Nel settore degli stupefacenti, in particolare a Vieste, a decorrere dal mese di aprile, sono stati accertati reati di importazione di rilevanti quantitativi di marijuana, nonché reati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina per numerosi sbarchi di clandestini, trasportati su imbarcazioni da diporto, guidate da albanesi e croati, utilizzate anche per il trasporto dello stupefacente.

Altissima è l’incidenza sulla costa garganica delle attività estorsive finalizzate, soprattutto, all’imposizione della guardiania abusiva, molto lucrativa per la presenza sul territorio, con forte vocazione turistica, di operatori del settore alberghiero e balneare, costantemente vessati da atti di intimidazione (danneggiamenti seguiti da incendio e minacce), perpetrati in modo seriale e protratto nel tempo.

L’assetto della criminalità operante nel comune di Vieste è attualmente molto instabile per i frequenti mutamenti di alleanze tra le varie consorterie criminali, in guerra tra loro per l’acquisizione della supremazia nel controllo delle attività criminali svolte sul territorio. E’ in questo scenario “di guerra tra clan” che si collocano una serie di omicidi, alcuni solo tentati poiché, sulla base delle indagini svolte, sono emersi collegamenti tra i vari fatti, accomunati da una comune “causale” e cioè l’acquisizione, da parte dei vari gruppi, della supremazia nel controllo delle attività criminali sul territorio di Vieste .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona gialla in Puglia ipotesi "elevata". Verso il ritorno dell'autosegnalazione: "Magari con la prenotazione del tampone"

  • La nuova ordinanza di Emiliano sulle scuole in Puglia: "Quella che sto per emanare rinnova le disposizioni in vigore"

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento